8 MARZO
 
8 marzo: al corteo di Milano Giulia del cartello anti-Salvini, se nostri diritti lesi reagiamo
 
 
Milano, 08 mar 21:12 - (Agenzia Nova) - Ai microfoni del corteo femminista milanese è intervenuta anche Giulia Pacilli, la ragazza che negli ultimi giorni è stata vittima di un’onda di odio sui social network per il cartello mostrato alla manifestazione 'People' che recitava “meglio buonista e puttana che fascista e salviniana”. Dopo aver letto alcuni dei messaggi che ha ricevuto negli ultimi giorni, pieni di insulti, ha dichiarato come sia visto male il fatto che una donna possa scendere in piazza perché “noi non possiamo ribellarci, non possiamo scrivere su un cartellone la parola puttana, non possiamo scendere in piazza e alzare la voce perché dobbiamo aspettare un uomo forte che ci venga a proteggere, perché siamo creature fragili perché da sole non ce la facciamo. Con quanti non possiamo e non dobbiamo siamo state cresciute ed educate. C’è quindi così tanto lavoro da fare per il nostro genere ma nessuna donna è migliore di un’altra”. A margine del suo intervento la ragazza milanese ha dichiarato “quando si parla di donne abbiamo tanto da fare per i nostri diritti, dobbiamo abbandonare l’odio e quando vengono lesi i nostri diritti dobbiamo reagire”. Il corteo intanto è giunta in piazza della Scala, dove poi si scioglierà. (Rem)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..