AMERICA LATINA
Mostra l'articolo per intero...
 
America Latina: governo cileno, attivazione Tiar su Venezuela non è appoggio a intervento armato (4)
 
 
Santiago del Cile, 12 set 21:54 - (Agenzia Nova) - Caracas è rappresentata all'Osa da Gustavo Tarre Briceno, inviato dell'autoproclamato presidente ad interim Juan Guaidò, "Stiamo dialogando con un regime che non vuole il dialogo (...). Siamo aperti a tutte le proposte che mirano alla fine di un regime dittatoriale e assassino. Questa è la ragione per la quale invochiamo il Tiar", ha detto l'inviato venezuelano. Il Messico, membro dell'Osa ma non del Tiar, ha espresso una ferma opposizione all'attivazione del trattato. "Non c'è nel continente un conflitto armato che meriti l'applicazione del Tiar. Crediamo sia inutile l'applicazione di questo meccanismo, a meno che non si stia cercando di intervenire militarmente nella regione", ha denunciato al delegazione messicana. Lo scorso agosto il Venezuela è rientrato nella lista dei paesi che hanno ratificato il Tiar, dopo la richiesta avanzata a luglio dal leader oppositore Juan Guaidò. Il paese si era ritirato dall'intesa sotto il governo dell'ex presidente Hugo Chavez. La richiesta di rientro nel Tiar, passaggio interpretato come possibile avallo a un'azione militare dall'estero, era stata ratificata a fine luglio dall'Assemblea nazionale (An), il parlamento controllato dalle opposizioni, ma azzerata dalla Corte suprema (Tsj), in uno dei tanti conflitti istituzionali aperti dalla crisi politica in atto. Il Tiar è un accordo firmato nel 1947 a Rio de Janeiro, come uno degli strumenti utili a ricomporre un quadro di stabilità all'indomani della Seconda Guerra Mondiale. (segue) (Abu)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..