LIBIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Libia: Ue, forte condanna uccisione migrante sudanese
 
 
Bruxelles, 20 set 13:59 - (Agenzia Nova) - L'Unione europea condanna fortemente la morte del giovane uomo sudanese, ucciso ieri a Tripoli, dopo essere stato riportato a terra dalla Guardia costiera libica. Lo ha dichiarato la portavoce della Commissione europea, Maja Kocijancic. "Siamo profondamente tristi e condanniamo fortemente la tragica morte del giovane uomo sudanese colpito da proiettili dopo che era stato sbarcato in Libia. L'uso di armi contro persone inermi e civili vulnerabili è inaccettabile in ogni circostanza e in questo contesto richiamiamo le autorità libiche ad avviare una indagine approfondita per chiarire le circostanze e stabilire le responsabilità, perché fatti simili non avvengano mai più", ha sottolineato la portavoce. "Noi stiamo lavorando perché i centri di detenzione siano chiusi e stabilire strutture pienamente conformi agli standard internazionali", ha aggiunto. "Quello che stiamo facendo è formare la Guardia costiera libica così che sia capace di salvare persone e di farlo nel rispetto degli standard internazionali. Una parte importante della formazione riguarda i diritti umani", ha dichiarato la portavoce rispondendo ad una domanda sui rischi di cooperare con la Guardia costiera libica. "La nostra priorità in Libia è salvare vite, proteggere le persone, combattere il traffico di essere umani, sostenere i rimpatri volontari e creare canali legali fuori dalla Libia per chi ha bisogno di protezione internazionale", ha aggiunto rispondendo ad una domanda dei giornalisti sulla promozione dei diritti umani e il salvataggio di persone da parte della Commissione uscente. (segue) (Beb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..