SPECIALE DIFESA
 
Speciale difesa: Siria, forze curde chiedono a Damasco di riconoscere loro autonomia nel nord
 
 
Damasco, 20 set 15:00 - (Agenzia Nova) - Il Consiglio democratico siriano (Cds), ramo politico delle forze curde nel nord della Siria, chiede che il governo di Damasco riconosca la sua autonomia nel nord e nell’est del paese. Lo ha dichiarato la co-presidente Ilham Ahmed in un’intervista al quotidiano pan-arabo “Asharq al Awsat”. Si tratta di una risposta alla dura lettera inviata dal ministero degli Esteri siriano al segretariato generale delle Nazioni Unite. Il documento, i cui contenuti sono stati pubblicati dall’agenzia di stampa ufficiale “Sana”, accusa i combattenti curdi delle Forze siriane democratiche (Fds) di essere una “milizia separatista e terrorista” che risponde a Stati Uniti e Israele con l’obiettivo di “dividere la Siria”, commettendo crimini quali “rapimenti, torture e uccisioni”. Il governo siriano, si legge nella lettera, “libererà i territori conquistati dalle milizie”. La Ahmed ha respinto categoricamente le accuse di Damasco, che a suo dire avrebbero l’obiettivo di garantire al presidente Bashar al Assad il favore della Turchia per consentire una normalizzazione dei rapporti. Il Cds, ha aggiunto la leader curda, ha invitato incessantemente Damasco a riprendere i colloqui. “Attraverso i nostri comunicati abbiamo ripetutamente chiesto al governo siriano di avviare un processo politico completo per risolvere la crisi siriana, riconoscendo l’Amministrazione autonoma del nord e dell’est della Siria”, ha osservato la Ahmed. Le accuse di Damasco, invece, “non contribuiscono a una soluzione e a un processo di pace: minacciare guerre e battaglie per imporre il controllo sull’intero territorio siriano non farà che prolungare il conflitto”. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..