LIBIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Libia: Banca centrale Tripoli respinge accusa di finanziare milizie
 
 
Tripoli, 05 lug 2018 14:28 - (Agenzia Nova) - La Banca centrale libica, con sede a Tripoli, ha respinto le accuse lanciate ieri da Ahmed al Mismari, portavoce dell'autoproclamato dell'Esercito nazionale libico comandato dal generale Khalifa Haftar, di finanziare le milizie definite “terroriste” presenti nella capitale libica. Commentando le parole di Al Mismari un funzionario della Banca centrale libica, citato dal sito informativo locale “al Wasat”, ha affermato: “Le organizzazioni internazionali ci hanno sempre scagionato sotto questo profilo”. Inoltre ha assicurato la fonte che “ogni dinaro speso a Tripoli ha avuto il via libera del ministero del Tesoro del governo di Accordo nazionale e il via libera politico". Secondo la fonte citata da "al Wasat", "queste accuse non fanno che rovinare l’immagine della Banca centrale libica e dello Stato in generale" e "attaccare la Banca centrale non fa che acuire le divisioni e peggiorare la situazione economica il cui conto è pagato dai cittadini libici”. Infine rispetto alla crisi della Mezzaluna petrolifera e in merito al controllo sui terminal delle forze di Haftar la fonte ha sottolineato: “Qualsiasi altro ente controlli i terminal che non sia la compagnia petrolifera nazionale Noc non ha il nostro riconoscimento”.
(Lit)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..