ECONOMIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Economia: Cipolletta (Aifi) a "Il Sole 24 Ore", fondo per il venture capital e regole sui Pir, ora il rilancio (2)
 
 
Roma, 18 set 09:51 - (Agenzia Nova) - Per quanto riguarda, invece, il progetto che AIFI ritiene debba partire al più presto, "sicuramente rilanciare il ruolo della Cassa Depositi e Prestiti che dovrebbe convogliare un miliardo di euro attraverso fondi specifici da impiegare appunto nel Venture Capital e nelle start up . A questo si aggiunge la normativa sui Pir, uno strumento che dopo la fiammata iniziale di interesse, al momento è di fatto bloccato perché necessita di modifiche". C'è un tavolo aperto anche presso la Commissione europea: con il nuovo Parlamento europeo uscito dalle ultime elezioni anche in questo caso ci sono nuovi interlocutori. Quali sono i temi da rilanciare a Bruxelles? "A livello comunitario abbiamo lavorato sugli incentivi alle start up e alle Pini innovative è stata avanzata una richiesta di autorizzazione alla Commissione Europea per innalzare al 40% la quota agevolata, attualmente fissata al 30 per cento, per gli investimenti effettuati dalle persone fisiche e giuridiche. Lo stesso vale per gli Eltif (European Long Term Investments) utili per l'investitore retail che voglia investire direttamente in piccole e medie imprese". "In entrambi i casi - aggiunge - bisogna agire sullo strumento della defiscalizzazione per favore gli investitori non solo istituzionali, ma anche retail. In questo senso ritengo sia utile rilanciare lo strumento dei 'fondo di fondi' anche peri comparti del private equity e private debt oltre alla revisione della direttiva AIFM in materia di gestione dei fondi alternativi: in questo caso l'obiettivo è abbassare la soglia minima dedicata agli investitori retail nei fondi riservati, attualmente paria 500mila euro. Tanti strumenti su cui si può lavorare per sostenere la nostra economia in modo sano e non speculativo", ha concluso Cipolletta. (Rin)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..