HONG KONG
Mostra l'articolo per intero...
 
Hong Kong: Cervellera (Asia-News) a "Libero Quotidiano", la Cina è pronta a tutto (3)
 
 
Roma, 19 ago 09:53 - (Agenzia Nova) - Ufficialmente non si vedono azioni di forza. Ma la Cina non sembra voler restare a guardare. "I segnali - spiega il direttore - sono purtroppo chiari. Innanzitutto le decine di migliaia di forze antisommossa ammassate a Shenzhen, con la scusa di esercitazioni varie. Solo un modo per mostrare i muscoli? E' probabile però che quelle forze saranno usate, se la pressione delle proteste dovesse aumentare. E poi crescono di giorno in giorno le accuse verso i manifestanti, dal terrorismo alla collusione con 'forze straniere' che li manipolano. La campagna di disinformazione funziona a pieno ritmo, si moltiplicano le fake news, facendo leva sul nazionalismo dei cinesi. E la censura è sempre più ferrea, e chi tenta di far passare notizie "alternative" rischia veramente grosso". Sono confermate le accuse di infiltrazioni di poliziotti cinesi nelle forze dell'ordine di Hong Kong. "Da Shenzhen vengono mandati poliziotti cinesi, che entrano in azione indossando la divisa della polizia locale. Questo potrebbe anche giustificare il fatto che quest'ultima, famosa per il suo fair play, sia diventata più aggressiva e violenta. Per questo tra le richieste dei manifestanti c'è anche quella di avviare un'indagine indipendente per far luce su queste infiltrazioni. E poi sono già entrati in azione 'teppisti' che aggrediscono senza pietà la gente in corteo, che potrebbero appartenere a gruppi mafiosi. Del resto, il regime cinese di norma preferisce delegare ai teppisti e a mafiosi le azioni più sporche, come intimidazioni, pestaggi, rapimenti...". (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..