SPECIALE INFRASTRUTTURE
 
Speciale infrastrutture: Georgia, premier Gakharia, Khazaradze (Tbc) mostri prove a sostegno delle sue accuse
 
 
Tbilisi, 16 set 17:30 - (Agenzia Nova) - Il fondatore della banca georgiana Tbc e del movimento politico Lelo, Mamuka Khazaradze, ha avanzato una serie di gravi accuse negli ultimi giorni, e ci aspettiamo che ci mostri delle prove a sostegno delle sue affermazioni. Lo ha dichiarato il capo del governo di Tbilisi, Giorgi Gakharia, commentando quanto detto da Khazaradze sul ministro delle Infrastrutture, Maia Tskitishvili, che a suo dire avrebbe cacciato alcuni investitori del progetto per lo sviluppo del porto di Anaklia dal suo ufficio durante una riunione. “Ribadisco che l’iniziativa, tra le più importanti del paese dal punto di vista politico e strategico, non dovrebbe diventare oggetto di speculazioni: abbiamo detto più volte che il porto di Anaklia non appartiene ad una persona specifica, ma ai cittadini in quanto cruciale per lo sviluppo economico del paese”, ha detto il premier, aggiungendo che “il progetto ha bisogno di investitori seri, che al momento non ci sono”. La prima fase di costruzione del porto di Anaklia è già stata avviata e dovrebbe concludersi nel 2021. Il primo terminal dovrebbe essere in grado di gestire un flusso annuale pari a quasi un milione di container: più del doppio rispetto all’attuale capacità dei porti di tutta la Georgia. Una volta terminato, il porto, la cui costruzione è stata articolata su nove fasi e verrà completata nei prossimi decenni, sarà in grado di gestire un flusso annuale pari a circa cinque milioni di container. La capacità dell’infrastruttura è stata scelta prevedendo un traffico ingente di merci dall’Europa alla Cina, e viceversa. Come spiega "The Economist", al momento i corridoi principali che collegano le due aree sono tre: uno meridionale che passa dall’Iran, di recente reso impraticabile delle sanzioni statunitensi; uno “di mezzo” attraverso il mar Caspio, la Georgia e il Mar Nero, oggi poco pratico per via della mancanza di infrastrutture moderne; e uno settentrionale che passa dalla Russia, che al momento è quello più utilizzato. Il progetto del porto di Anaklia, se completato, permetterà di ampliare notevolmente il corridoio di mezzo, contribuendo a diminuire la dipendenza dell’Europa dalla Russia. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..