EDITORIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Editoria: Mattarella sul "Corriere della Sera", quella forza insuperabile che chiamiamo leggere (3)
 
 
Roma, 12 set 10:26 - (Agenzia Nova) - "E, del resto, - continua - anche l'ambito dei vostri futuri lettori. Voi editori siete imprenditori di una particolare specie, con una particolare missione. I conti in ordine, la capacità di innovare, sono condizioni essenziali di ogni impresa. Levi ha parlato dell'equilibrio finanziario delle aziende. Ma non svolgereste questa attività senza la passione perla conoscenza, perla cultura, per la collettività di cui siete parte. Non si è editori senza questa passione. E' tempo di riapertura delle scuole; questi sono i giorni dei libri di testo. Tante famiglie si stanno misurando con le difficoltà di assicurare ai propri figli tutto quel che occorre per l'istruzione. L'istruzione dei ragazzi è interesse primario della Repubblica". Il Capo dello Stato desidera quindi "sottolineare il valore sociale — l'alto valore sociale — dei libri di testo. Va ricordato alle pubbliche istituzioni e, insieme, va richiamata la necessità di scelte editoriali coerenti con quel valore sociale. Non tutto quello che c'era da scrivere e da pubblicare è stato già pubblicato e scritto. Anche per l'editoria vi è sempre un giacimento inesplorato da scoprire, nuovi autori da far emergere". "Si tratta - conclude Mattarella - di potenzialità che il diffondersi della lettura e della cultura può accrescere ulteriormente. Vale come un augurio per voi. Ma anche come un incoraggiamento: il vostro lavoro è strumento di libertà e di crescita civile. Complimenti e auguri per Parigi 2021 e per la Buchmesse di Francoforte 2023. Grazie perla vostra attività. L'Italia ha bisogno di voi". (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..