SIRIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Siria: Kerry-Lavrov, curdi rimangano parte del paese (5)
 
 
Ginevra, 27 ago 2016 11:13 - (Agenzia Nova) - Il piano prevede la creazione di aree di amministrazione democratica sotto la bandiera federale. L’annuncio dei curdi-siriani aveva creato un ampio dibattito nella comunità internazionale. Sulla dichiarazione del Pyd era già intervenuto a marzo il Dipartimento di Stato Usa che, attraverso il suo portavoce, Mark Toner, aveva fatto sapere di essere contrario all’autoproclamazione in modo unilaterale di un’unione federale curda. Toner aveva detto che il governo di Washington non avrebbe riconosciuto alcuna forma di federazione curda in Siria che non fosse prima accettata dal popolo siriano stesso. La possibilità di risolvere almeno parte dell’attuale scenario siriano attraverso l’istituzione di una Repubblica federale potrebbe però essere accettata dallo stesso Bashar al Assad, il quale in un’intervista rilasciata lo scorso settembre 2015 non aveva escluso l’idea del federalismo a patto che qualsiasi cambiamento fosse frutto di un dialogo fra i siriani e sancito da un referendum costituzionale. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..