ISRAELE
Mostra l'articolo per intero...
 
Israele: Comitato centrale elezioni multa Likud per campagna elettorale illegale
 
 
Gerusalemme, 13 set 17:19 - (Agenzia Nova) - Il Comitato centrale per elezioni (Cec) israeliane ha condannato il partito Likud, del premier Benjamin Netanyahu, al pagamento di una sanzione di 30 mila shekels (8.500 dollari) per azione elettorale illegale a seguito della promessa fatta in diretta televisiva dal primo ministro sull'una annessione della Valle del Giordano in caso di vittoria. La sentenza fa seguito a una petizione dei partiti Blue e bianco e dell’Unione democratica, secondo cui la conferenza stampa organizzata da Netanyahu lo scorso 10 settembre sarebbe stata “campagna elettorale illegale”. Secondo quanto riferisce il quotidiano "Haaretz", i due partiti hanno presentato denunce al Cec per fermare la trasmissione in diretta, considerandola una violazione delle leggi sulla pubblicità elettorale e un ingiusto vantaggio al partito Likud. La commissione ha respinto le petizioni dopo che il portavoce di Netanyahu, Jonatan Urich, ha presentato una dichiarazione giurata firmata promettendo che la trasmissione non avrebbe incluso argomenti riguardanti la campagna elettorale. Tuttavia durante la conferenza stampa, Netanyahu ha promesso di annettere la Valle del Giordano e la zona del Mar Morto settentrionale in caso di rielezione. Le autorità del Cec hanno in seguito convocato Urich, il portavoce si è scusato con la corte e ha affermato che le osservazioni politiche di Netanyahu non erano state pianificate. Il giudice Hanan Melcer ha quindi ordinato al Likud di pagare una multa di 8.500 dollari e ha affermato che qualsiasi infrazione futura comporterà una multa di 14 mila dollari. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..