Esteri
Mostra l'articolo per intero...
 
I fatti del giorno - Medio Oriente (3)
 
 
Roma, 10 set 17:00 - (Agenzia Nova) - Siria: Cavusoglu, Usa non mantengono promesse a causa di impegni con curdi - Gli Stati Uniti non stanno mantenendo le promesse fatte alla Turchia in merito alla sicurezza nel nord della Siria, soprattutto a causa degli impegni precedentemente assunti con i combattenti curdi delle Unità di protezione dei popoli (Ypg). Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri di Ankara, Mevlut Cavusoglu, durante una conferenza stampa congiunta con l’omologo montenegrino Srdjan Darmanovic. Secondo il capo della diplomazia turca, i primi passi intrapresi per la realizzazione della “zona di sicurezza” nel nord-est della Siria, inclusa l’istituzione di un centro operativo congiunto, sono “un buon inizio”. Tuttavia, ha ammonito Cavusoglu, la Turchia è stata “chiara nei suoi avvertimenti”. “Sfortunatamente in passato gli Stati Uniti hanno fallito nel mantenimento delle promesse a causa dei loro impegni con i terroristi delle Ypg. Per esempio, si sono dimenticati della roadmap che era stata decisa per la regione di Manbij”, ha ricordato il ministro facendo riferimento alla mancata applicazione di un accordo stretto nel 2018 per l’espulsione delle forze curde da un’area a nord di Aleppo. Secondo Cavusoglu, inoltre, le misure finora intraprese dagli Stati Uniti a est dell’Eufrate sono “cosmetiche”. Il capo della diplomazia di Ankara ha ribadito che le Ypg, considerate un’organizzazione terroristica dalla Turchia, continuano a costituire “un problema di sicurezza” per il suo paese. (segue) (Res)
TUTTE LE NOTIZIE SU..