SOMALIA
 
Somalia: Amnesty su arresto ministro Sicurezza, passo "significativo" per accertare violazioni diritti umani
 
 
Mogadiscio, 02 set 16:30 - (Agenzia Nova) - L'arresto del ministro somalo della Sicurezza dell'Oltregiuba, Abdirashid Janan, è un "passo significativo" verso la "responsabilità" per le "gravi violazioni" dei diritti umani commesse "impunemente, da anni, da potenti individui in Somalia". Lo ha dichiarato il vicedirettore di Amnesty International per l'Africa orientale, il Corno e i Grandi Laghi, Seif Magango, commentando il recente arresto del ministro. In una nota pubblicata sul sito di Amnesty, Magango sottolinea che Janan è accusato dal Gruppo di monitoraggio della Somalia e dell'Eritrea delle Nazioni Unite (Semg) di "orribili crimini tra cui omicidi, torture, detenzioni illegali e consegne illegali tra il 2014 e il 2015" e sostiene che le autorità devono consegnarlo al più presto alla giustizia in modo che il ministro sia sottoposto ad un regolare processo secondo gli standard internazionali. Janan è stato arrestato all'aeroporto di Mogadiscio lo scorso 31 agosto e un'inchiesta è stata aperta a suo carico. Deve rispondere di presunta responsabilità penale per crimini di diritto internazionale e altre gravi violazioni dei diritti umani, tra cui la mancata assistenza umanitaria. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..