EGITTO
Mostra l'articolo per intero...
 
Egitto: ministro Irrigazione, scarsità risorse idriche rischia di aumentare fenomeno migratorio (2)
 
 
Il Cairo, 10 set 10:10 - (Agenzia Nova) - Lo scorso 20 agosto l'Egitto ha dichiarato in via preventiva lo stato di emergenza idrica, a causa di un calo del flusso d'acqua nel paese a partire dall'anno scorso. Tuttavia, gli esperti idrici affermano che il paese è in buone condizioni grazie alle sue riserve e alle misure di conservazione dell'acqua adottate. Lo scorso 27 luglio il ministero dell’Irrigazione e delle Risorse idriche ha riferito che il flusso totale annuo del fiume Nilo è sceso di 5 miliardi di metri cubi rispetto all'anno precedente, a causa della diminuzione delle acque alluvionali dall'altopiano etiope e dai laghi equatoriali. L'approvvigionamento idrico è una questione cruciale per la sicurezza dell'Egitto. Si inserisce in questo contesto il progetto infrastrutturale della Grande diga della rinascita (Gerd), in arabo "al Nahda". Si tratta di un'infrastruttura lunga 1.800 metri, alta 170, che avrà un volume complessivo di 10 milioni di metri cubi d'acqua. Il progetto, che punta a sopperire alle esigenze idriche del paese arabo, è affidato alla ditta italiana Salini, ma esige una delicata concertazione diplomatica con i governi di Sudan ed Etiopia. (Cae)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..