KOSOVO
 
Kosovo: Mustafa (Ldk), non rinunceremo alla posizione di primo ministro
 
 
Pristina, 24 ago 12:09 - (Agenzia Nova) - La Lega democratica del Kosovo (Ldk) non è intenzionata ad entrare in una qualche coalizione rinunciando ad avere tra le proprie fila il prossimo primo ministro del paese balcanico. Lo ha dichiarato ai giornalisti il leader della formazione, Isa Mustafa, al termine di una riunione del consiglio generale del partito. “Prima di tutto dobbiamo valutare i nostri interessi e quelli dei cittadini, e l’impatto che avrebbe su di essi una eventuale coalizione con il movimento Vetevendosje: abbiamo già avuto alcuni incontri con il loro leader, Albin Kurti, senza però discutere della possibile suddivisione dei seggi”, ha detto Mustafa, sottolineando che “sicuramente non entreremo in una qualche coalizione rinunciando alla posizione del premier”.

Lo scorso 22 agosto, i deputati kosovari hanno votato in favore dello scioglimento del parlamento di Pristina a seguito delle dimissioni del premier Ramush Haradinaj. Il sostegno alla mozione per lo scioglimento del parlamento è stato molto ampio, con 89 deputati, sia dei partiti della maggioranza che dell'opposizione, che hanno votato in favore. Dopo lo scioglimento del parlamento kosovaro, le autorità di Pristina devono organizzare le elezioni entro 45 giorni. Il presidente kosovaro Hashim Thaci dovrebbe decretare nei prossimi giorni la data per il voto anticipato. Fonti presidenziali, citate dalla stampa di Pristina, hanno indicato come probabile data del voto domenica 6 ottobre.

Il premier Ramush Haradinaj ha annunciato nelle scorse settimane le sue dimissioni dopo essere stato convocato a L'Aja per testimoniare davanti al Tribunale speciale per i crimini dell'Esercito di liberazione del Kosovo (Uck). Le dimissioni di Haradinaj si inseriscono comunque in uno scenario politico piuttosto complicato, fondato su un delicato equilibrio in base al quale il governo di minoranza – formato da Aak, Partito democratico del Kosovo (Pdk), Iniziativa socialdemocratica (Nisma), Alleanza per il nuovo Kosovo (Akr) - era riuscito a sopravvivere anche dopo il venir meno del sostegno dei deputati della Lista serba.

Nei mesi scorsi si erano registrate inoltre diverse tensioni tra il premier e il presidente kosovaro Hashim Thaci, in particolare per quanto riguarda la gestione del dialogo con la Serbia e la prospettiva di modifiche ai confini; uno scenario escluso in maniera categorica dall'ex premier. Tali tensioni erano proseguite nei giorni scorsi con uno scontro in particolare tra Haradinaj e il presidente del parlamento Kadri Veseli, leader del Pdk, partner della coalizione di governo. E’ stato proprio il deteriorarsi dei rapporti tra i due principali schieramenti di governo, l’Aak di Haradinaj e il Pdk di Veseli, ad accelerare dopo l’annuncio del premier la fine prematura del governo di Pristina. (Kop)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..