IRAQ
Mostra l'articolo per intero...
 
Iraq: milizie sciite accusano Israele dell’ultimo attacco aereo nell’Anbar
 
 
Baghdad, 26 ago 08:38 - (Agenzia Nova) - Le Unità della mobilitazione popolare (Pmu, l’alleanza di milizie irachene a maggioranza sciita) hanno accusato Israele del raid aereo condotto ieri da velivoli senza pilota a circa 15 chilometri dal confine siriano nella provincia a maggioranza sunnita di Anbar, nell’Iraq occidentale. “I droni israeliani hanno colpito le Unità per la mobilitazione (Hashd al Shaabi in arabo)”, si legge in una dichiarazione delle milizie sciite irachene. La colazione paramilitare irachena ha spiegato che dei combattenti è morto durante l’attacco mentre un altro è stato gravemente ferito, rettificando il precedente bilancio di due vittime. "Questo attacco spudorato è arrivato con la copertura aerea dei velivoli statunitensi nell'area", hanno aggiunto le Pmu. Secondo quanto appreso da "Agenzia Nova" da fonti irachene, a perdere la vita è stato il comandante Kazem Ali Mohsen, noto con il nome di Abu Ali al Dabi, ufficiale di supporto delle Brigate Hezbollah nell'Iraq occidentale. L'episodio giunge dopo una serie di misteriose esplosioni in vari depositi di armi appartenenti alle Pmu sciite appoggiate dall’Iran. Lo scorso 23 agosto, il ministro degli Esteri iracheno, Mohammed Ali al Hakim, aveva convocato l’incaricato d’affari degli Stati Uniti, Brian McFitters, chiarendo che il governo di Baghdad sta considerando tutte le opzioni diplomatiche e legali per salvaguardare la sicurezza e la sovranità dello Stato. (segue)

(Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..