EGITTO
Mostra l'articolo per intero...
 
Egitto: stretta del governo su Ong e mezzi d'informazione in un momento "d'emergenza" per il paese (5)
 
 
Roma, 31 mag 2017 17:15 - (Agenzia Nova) - L'esperto sottolinea come anche la decisione di chiudere i siti web sia “coerente” con un approccio che vuole evitare la diffusione di canali “che gettano benzina sul fuoco e possano portare ad una situazione d’instabilità”. Per el Sebaie, è ovvio che questi provvedimenti abbiano delle ripercussioni sull’immagine internazionale dell’Egitto, ma "bisogna ricordare che l'immagine dell'Egitto è già stata danneggiata, dal caso del ricercatore Giulio Regeni e dalla stessa deposizione di Morsi”, ma “è chiaro che l'immagine internazionale di un paese spesso e volentieri non tiene in considerazione anche qual è la situazione interna e le difficoltà che sta attraversando. Di certo non è l’ideale per un clima democratico o per cercare di superare i problemi sociali che presenta l’Egitto: è ovvio che ci vorrebbe un maggiore spazio di espressione; però dall'altra parte bisogna anche tenere in considerazione che questo è un momento molto particolare”. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..