NIGERIA
 
Nigeria: Stato islamico rivendica attacco a base militare nel nord-est, almeno 29 morti
 
 
Abuja, 23 mag 11:21 - (Agenzia Nova) - Lo Stato islamico in Africa occidentale (Iswap) ha rivendicato la responsabilità di un attacco sferrato lunedì scorso ad una base militare situata nella città di Gubio, nello stato nigeriano nord-orientale di Borno, in cui sono stati uccisi 20 militari. In un video diffuso sul sito di monitoraggio delle attività terroristiche "Site", il gruppo secessionista di Boko Haram ha inoltre mostrato l'esecuzione di nove militari nigeriani. Il video mostrava anche combattenti di Iswap mentre promettevano fedeltà al leader del gruppo, Abu Bakr al Baghdadi, e mentre mettevano in mostra diversi mezzi pesanti di artiglieria, carri armati e mezzi militari, affermando di averli sottratti alle forze armate nigeriane durante l'attacco alla base militare. Secondo quanto affermato da Iswap, i suoi miliziani hanno "preso il controllo" della base di Gubio, che è situata a circa 80 chilometri a nord di Maiduguri, capitale dello stato di Borno. In un secondo video, Iswap ha mostrato altri attacchi effettuati fra novembre e gennaio, principalmente nell'area del lago Ciad tra novembre e gennaio. "I terroristi hanno attaccato le truppe intorno alle 7 del mattino e le hanno costrette a ritirarsi dopo uno scontro a fuoco in cui tre soldati sono stati uccisi e sei feriti", ha dichiarato un ufficiale dell'esercito citato da "The Defense Post". La fonte militare, che ha chiesto di non essere identificata, ha aggiunto che "sei militari sono ancora dispersi", prima di precisare che "almeno cinque miliziani" sono stati uccisi in un combattimento con il supporto di truppe provenienti da località vicine, e confermare il furto di mezzi dell'esercito, precisamente un veicolo blindato, un camion e diverse armi.

Secondo una fonte della sicurezza ed un operatore umanitario che lavora a Gubio, inoltre, i jihadisti avrebbero attaccato la base di Gubio a bordo di moto e veicoli tecnici come camion pick-up con mitragliatrici. I combattimenti fra truppe e terroristi sarebbero durati più di un'ora. Di recente fonti vicine all’Iswap hanno annunciato che l'organizzazione jihadista ha cambiato leadership, nominando Abu Abdullah Ibn Umar al Barnawi come nuovo leader. Il nuovo designato è subentrato ad Abu Mus'ab al Barnawi: quest’ultimo era stato stato nominato leader dell'Iswap nell'agosto 2016, una mossa ritenuta da diversi osservatori come un tentativo di far passare in secondo piano il leader storico di Boko Haram, Abubakar Shekau, nonostante questi avesse in un primo momento giurato fedeltà allo Stato islamico. Sviluppi successivi hanno fatto emergere come vi sia stata una spaccatura tra la fazione di Boko Haram guidata da Shekau e l’Iswap. L’offensiva di Boko Haram è iniziata nel 2009 e da allora si è allargata anche ad altri paesi del bacino del lago Ciad. Secondo stime governative, dal 2009 ad oggi gli attacchi del gruppo terroristico in Nigeria hanno provocato oltre 30 mila vittime e costretto circa 2,6 milioni di persone ad abbandonare le loro abitazioni. Nonostante la contro-offensiva lanciata dalle forze militari della regione il gruppo continua a condurre attacchi, prendendo di mira soprattutto i civili. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..