ISRAELE
Mostra l'articolo per intero...
 
Israele: “Nova” visita il kibbutz di Kfar Aza, a ridosso di Gaza (3)
 
 
Kfar Aza, 10 lug 12:00 - (Agenzia Nova) - La rappresentante racconta che la vita nel kibbutz “è meravigliosa”, ma in 15 secondi può cambiare tutto. Quindici, infatti, sono i secondi che gli abitanti del kibbutz hanno per ripararsi nei vari bunker di qualche metro quadrato - tutti colorati all'esterno - dopo il suono della sirena che si attiva in caso di lancio di razzi da Gaza. Nella comunità di Kfar Aza dall'inizio della Marcia del ritorno il 30 marzo del 2018 sono avvenuti oltre 2.200 incendi causati da aquiloni esplosivi o da palloni esplosivi. La Holin ci mostra i prati dove sono ancora visibili gli effetti degli incendi causati dai palloncini-bomba. A causa della sua posizione a ridosso di Gaza, di cui sono ben visibili gli alti palazzi dal kibbutz, la comunità è stata esposta all'ultima ondata di violenze tra il 3 e il 5 maggio scorsi, in cui sono stati lanciati dall'enclave oltre 700 razzi, a cui le Forze di difesa israeliane hanno risposto con raid aerei. Domandiamo alla Holin perché continui a vivere nel kibbutz. In modo categorico afferma: "Ho lavorato sodo per creare questa comunità e non voglio lasciare il kibbutz.". L'auspicio della donna per il futuro è che i governi dei due lati del confine decidano di “fare qualcosa" riprendendo a parlarsi. (segue) (Mom)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..