MEDIO ORIENTE
 
Medio Oriente: attacco in Cisgiordania, morta 17enne israeliana
 
 
Gerusalemme, 23 ago 16:09 - (Agenzia Nova) - Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha presentato le sue "profonde condoglianze" alla famiglia di Rina Shnerb, la 17enne originaria di Lod rimasta uccisa nell'esplosione di una granata nei pressi dell'insediamento di Dolev, in Cisgiordania. Lo riporta il quotidiano locale "The Times of Israel". A seguito dell'attacco, che ha coinvolto anche il padre e il fratello della ragazza, il premier israeliano ha assicurato: "Continueremo a rafforzare le comunità (insediamenti in Cisgiordania, ndr). Diffonderemo le nostre radici più in profondità e colpiremo i nostri nemici". Ciononostante, il capo del governo - che attualmente ricopre anche la carica di ministro della Difesa – è diventato oggetto di aspre critiche dopo quanto accaduto, con l'accusa di non riuscire a garantire la sicurezza delle colonie. Esponenti politici della destra israeliana - come Ayelet Shaked, leader della lista Yamina - hanno chiesto apertamente che lo Stato ebraico proceda all'annessione dell'intera Cisgiordania. Avigdor Liberman, leader del partito Yisrael Beytenu che di recente ha rotto con Netanyahu, ha criticato in tono veemente le politiche del primo ministro nei confronti dei palestinesi, ritenute troppo tolleranti, definendo l'attacco "uno schiaffo di fronte alle sue politiche di resa". Il governo Netanyahu "ha scelto di abbandonare la sicurezza dei cittadini israeliani preferendo comprarsi una tregua dall'Autorità palestinese e da Hamas fino alle elezioni", ha scritto Liberman su Twitter. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..