LIBIA
 
Libia: Consiglio berbero non riconosce decisione scarcerazione ultimo premier Gheddafi al Mahmoudi
 
 
Tripoli, 22 lug 10:15 - (Agenzia Nova) - L’Alto Consiglio dei berberi in Libia ha annunciato che non riconosce la decisione presa dalle autorità giudiziarie del Governo di accordo nazionale libico (Gna) di scarcerare per motivi di salute l’ultimo premier del regime di Muammar Gheddafi, al Baghdadi Ali al Mahmoudi, in quanto “si tratta di una decisione di carattere politico che contrasta con la legge libica”. Il consiglio berbero ha aggiunto: “Siamo rimasti stupiti dalla decisione di liberare al Mahmoudi condannato a morte per il sostegno diretto offerto alla repressione della rivoluzione del 2011 e per aver incitato ad assaltare la città berbera di Zuara compiendo crimini di guerra”. Per il Consiglio “al Mahmoudi resta un ricercato nelle zone berbere della Libia e chiediamo alle autorità di arrestarlo”. Lo scorso 20 luglio, il ministero della Giustizia del governo di accordo nazionale di Tripoli ha annunciato il rilascio per motivi di salute dell'ultimo premier dell'era di Muammar Gheddafi, Al Mahmudi. "La decisione di rilasciare Mahmudi nasce da motivi di salute, per consentirgli di continuare a ricevere le cure fuori dall'istituto detentivo", si legge. Mahmudi ha servito come premier della Libia dal 2006 al 2011. Fuggito a Gerba, era stato arrestato per attraversamento illegale della frontiera dalle autorità tunisine che nel 2012 lo hanno estradato. Nel 2015 un tribunale di Tripoli ha emesso una condanna a morte a suo carico.
(Lit)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..