HONG KONG
Mostra l'articolo per intero...
 
Hong Kong: anche Youtube rileva campagna di influenza legata alle proteste (2)
 
 
Washington, 23 ago 04:58 - (Agenzia Nova) - I media di Stato cinesi hanno duramente criticato Facebook e Twitter per aver cancellato o sospeso centinaia di account cinesi accusati di manipolare l’informazione in merito alla proteste in corso ad Hong Kong. Il quotidiano ufficiale del Partito comunista cinese, “Global Times”, e il quotidiano di Stato “China Daily” hanno definito le azioni delle due società statunitensi “una plateale dimostrazione di doppiezza in azione: sostenere una cosa, e praticare il contrario”. Secondo i quotidiani cinesi, i social network hanno “soppresso la voce degli utenti del web cinesi, ma non potranno sopprimere la determinazione delle persone a rivelare la verità”. Twitter e Facebook sostengono che gli account sospesi o rimossi facessero riferimento al governo cinese, e fossero destinati a diffondere disinformazione in merito alla natura delle proteste pro-democrazia e antigovernative in corso da mesi nella ex colonia britannica. Secondo il “Global Times”, però, le società non hanno fornito alcuna “prova credibile” delle loro accuse a Pechino. (segue) (Was)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..