FYROM
Mostra l'articolo per intero...
 
Fyrom: domenica paese alle urne per confermare nome Repubblica di Macedonia del Nord (10)
 
 
Skopje, 28 set 2018 17:10 - (Agenzia Nova) - Pur non essendo una scelta tra due partiti politici quindi, il premier Zaev si gioca con il voto di domenica una buona parte del suo futuro politico, in quanto il referendum sarà inevitabilmente anche un voto sulla sua politica di riconciliazione con i vicini nei Balcani e sul suo operato ad un anno e mezzo dall’inizio del suo mandato nel maggio 2017. Zaev ha impresso radicali cambiamenti nell’orientamento politico del paese, dopo 10 anni di governo a guida Vmro-Dpmne, e l’accordo sul nome rappresenta un elemento chiave della sua azione volta a smorzare i nazionalismi per aprire i Balcani alla riconciliazione ed alla cooperazione per il bene dei cittadini. “Fermate questo isolamento. E’ giunto il momento di integrare i cittadini e farli diventare cittadini dell'Unione europea", ha rimarcato Zaev durante un comizio nei giorni scorsi nella città di Negotino. Zaev ha sottolineato che l’accordo di Prespa ha trasformato i greci “da nemici ad amici della Macedonia”. "La politica tesa a favorire rapporti di buon vicinato nei Balcani sta già portando benefici concreti alla Repubblica di Macedonia", ha osservato il primo ministro macedone. Come esempio di questi risultati, il premier della Fyrom ha fatto notare che l'interscambio commerciale con la Bulgaria ha registrato un aumento del 12 per cento su base annua. Lo stesso risultato, ha aggiunto Zaev, è possibile con la Grecia dopo la firma dello storico accordo sul nome. "Ci aspettiamo che il valore dell'interscambio tra i due paesi raddoppierà", ha dichiarato Zaev. (segue) (Mas)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..