SPECIALE DIFESA
 
Speciale difesa: Croazia, presidente Grabar-Kitarovic ribadisce, guerra anni Novanta "aggressione perpetrata dalla Grande Serbia"
 
 
Zagabria, 23 ago 15:30 - (Agenzia Nova) - La guerra degli anni Novanta in Croazia ha avuto il carattere di "un'aggressione perpetrata dalla Grande Serbia". Lo ha ribadito oggi la presidente della Croazia Kolinda Grabar-Kitarovic in una dichiarazione riportata dall'emittente "N1". Grabar-Kitarovic ha condannato oggi "il totalitarismo della Grande Serbia e la sua aggressione contro la Croazia". La dichiarazione è arrivata a pochi giorno da un'uscita pubblica del presidente della Serbia Aleksandar Vucic, il quale aveva affermato di avere "pregato la presidente croata Kolinda Grabar-Kitarovic di non utilizzare più il termine "aggressione dalla grande Serbia". Grabar Kitarovic ha inoltre condannato oggi "i regimi totalitaristici e mono-partitici come quello comunista e quello (collaborazionista croato nella Seconda guerra mondiale) degli ustascia". I cittadini croati hanno "indubbiamente" perpetrato il genocidio contro i serbi nel 1941 e lo avrebbero rifatto se i serbi non si fossero difesi nel 1991, ha affermato ieri il ministro della Difesa di Belgrado Aleksandar Vulin, secondo una nota del ministero. Vulin ha in questo modo risposto al premier della Croazia Andrej Plenkovic che due giorni fa ha detto che la guerra degli anni Novanta in Croazia ha rappresentato "l'aggressione perpetrata dalla Grande Serbia". Vulin ha detto che "per coloro che considerano il cardinale Alojzije Stepinac (attivo durante la Seconda guerra mondiale e simpatizzante del regime collaborazionista croato degli ustascia) un santo, considerano anche la guerra degli anni Novanta come un'aggressione da parte della Grande Serbia". (Zac)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..