CINA-EMIRATI
 
Cina-Emirati: dichiarazione congiunta su rafforzamento partenariato strategico globale
 
 
Pechino, 24 lug 06:38 - (Agenzia Nova) - Cina e Emirati Arabi Uniti (Eau) hanno rilasciato ieri, martedì 23 luglio, una dichiarazione congiunta sul rafforzamento del loro partenariato strategico globale. Lo riferisce la stampa cinese, che spiega che le due parti renderanno prioritario lo sviluppo del partenariato strategico e rafforzeranno la cooperazione su questioni internazionali e regionali. In base all'accordo, le due nazioni si presteranno reciproco sostegno su questioni relative alla sovranità nazionale, all'indipendenza, all'integrità territoriale e alla sicurezza. La stampa cinese riferisce che gli Emirati Arabi Uniti apprezzano molto gli sforzi della Cina per promuovere l'unità e l'armonia etnica, e sostengono le misure del governo di Pechino volte a salvaguardare la sicurezza nazionale, la stabilità e la tranquillità regionale. Al contempo, la Cina sostiene gli sforzi degli Emirati Arabi Uniti per salvaguardare la sovranità nazionale, l'unità e l'integrità territoriale. Le due parti hanno inoltre annunciato che approfondiranno ulteriormente la cooperazione nell'ambito della Belt and Road Initiative (Bri, Nuova via della seta) e rafforzeranno la cooperazione in tutti i settori del partenariato strategico globale.

Nella giornata di lunedì 22 luglio il presidente cinese, Xi Jinping, ha tenuto colloqui con Mohammed bin Zayed al Nahyan, principe ereditario di Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti, ed entrambe le parti si sono impegnate a promuovere la partnership strategica globale tra i due paesi. Lo riferisce la stampa cinese. Durante i loro colloqui presso la Grande sala del popolo, Xi ha ricordato la sua visita di stato negli Emirati lo scorso luglio, quando è stata annunciata l'istituzione della partnership strategica per portare i legami bilaterali a una nuova fase. Xi ha affermato che le relazioni Cina-Emirati hanno dato un esempio della cooperazione strategica tra paesi di diverse regioni, con culture diverse. Secondo Xi, le due parti rilasceranno una dichiarazione congiunta sul rafforzamento del partenariato strategico globale durante la visita del principe ereditario, "che sarà un altro documento guida fondamentale nella storia delle relazioni Cina-Emirati Arabi Uniti".

Xi ha dichiarato di voler collaborare con lo sceicco Mohammed per garantire che la partnership produca nuovi risultati a beneficio delle popolazioni dei due paesi nelle attuali circostanze complicate e instabili. Xi ha affermato che la Cina considera gli Emirati un importante partner cooperativo strategico in Medio Oriente e sostiene gli sforzi di quest'ultimo per salvaguardare la propria sovranità nazionale, gli interessi di sicurezza e sviluppo, nonché il suo ruolo crescente in ambito regionale e negli affari internazionali. "La parte cinese è pronta a intensificare il coordinamento e la cooperazione con gli Emirati Arabi Uniti per salvaguardare il sistema internazionale con le Nazioni Unite al centro, sostenere l'ordine internazionale basato su diritto internazionale e multilateralismo, equità e giustizia e promuovere la costruzione di una comunità con un futuro condiviso per l'umanità", ha detto Xi.

Per quanto riguarda la cooperazione nell'ambito dell'iniziativa Belt and Road (Bri, Nuova via della seta), Xi ha chiesto a entrambe le parti di rafforzare l'allineamento delle strategie di sviluppo, assicurarsi che il Terminal Due del container portuale di Khalifa e la Zona dimostrativa di cooperazione della capacità industriale Cina-Emirati Arabi Uniti abbiano successo e svolgano un ruolo esemplare, consolidando ed espandendo le strategie cooperazione nel settore energetico. Il presidente cinese ha inoltre espresso la speranza di realizzare l'obiettivo di 200 miliardi di dollari nel commercio bidirezionale entro il 2030.

Durante i colloqui, Xi ha affermato che la Cina sostiene gli Emirati nell'apertura dell'insegnamento della lingua cinese nelle sue 200 scuole. Sull'antiterrorismo e la cooperazione in materia di sicurezza, Xi ha espresso gratitudine per il sostegno degli Emirati Arabi Uniti alle questioni relative allo Xinjiang e ha mostrato il fermo sostegno della Cina agli sforzi emiratini per combattere gli estremisti religiosi. Sottolineando l'importanza della pace e della stabilità nella regione del Golfo Persico per il Medio Oriente e per il mondo intero, Xi ha affermato che la regione dovrebbe essere una "oasi di sicurezza" piuttosto che una nuova "fonte di tumulto".

"La Cina sostiene l'impegno degli Emirati Arabi Uniti per la pace e la stabilità regionali", ha detto Xi, chiedendo a tutte le parti interessate di mantenere la calma e di esercitare moderazione, e di astenersi dall'aprire il cosiddetto "vaso di Pandora". "Tutte le parti interessate dovrebbero, sulla base del rispetto reciproco, risolvere controversie e conflitti attraverso il dialogo e la consultazione", ha affermato il presidente. "La Cina è disposta a collaborare con gli Emirati Arabi Uniti e con la comunità internazionale per contribuire a salvaguardare la pace e la stabilità nella regione del Golfo", ha detto Xi.

Da parte sua, lo sceicco emiratino ha affermato che gli Emirati Arabi Uniti danno priorità all'approfondimento del partenariato strategico globale con la Cina nella sua politica estera e che il suo paese sarà sempre il miglior partner cooperativo strategico della Cina, indipendentemente da come cambi la situazione internazionale. Al Nahyan ha promesso che gli Emirati continueranno a sostenere con forza la Cina su questioni che coinvolgono gli interessi chiave e le preoccupazioni principali della Cina. Lo sceicco ha lodato il grande contributo dell'Iniziativa Bri alla connettività regionale e alla crescita economica mondiale e ha affermato che gli Emirati sono disposti a partecipare attivamente all'iniziativa, a svolgere un ruolo più importante in essa e a discutere con la Cina sulla cooperazione con i mercati terzi.

"Gli Emirati Arabi Uniti sono pronti ad espandere gli investimenti, l'approvvigionamento energetico e il volume degli scambi con la Cina e ad aumentare gli scambi finanziari, culturali e interpersonali con la Cina", ha affermato il principe ereditario, osservando che gli Emirati sosterranno la cooperazione in scienza e la tecnologia con aziende cinesi. "Gli Emirati Arabi Uniti apprezzano molto gli sforzi della Cina per proteggere i diritti delle minoranze etniche e promuovere l'unità e l'armonia etnica", ha detto lo sceicco, aggiungendo che il suo paese rafforzerà la cooperazione in materia di sicurezza con la Cina e combatterà congiuntamente forze terroristiche ed estremiste tra cui "Turkestan orientale", al fine di salvaguardare la sicurezza nazionale e la stabilità regionale.

"Gli Emirati Arabi Uniti sostengono la grande iniziativa di costruzione di una comunità con un futuro condiviso per l'umanità proposta dal presidente Xi, apprezzano la politica responsabile della Cina negli affari internazionali, in particolare nel Medio Oriente e nella regione del Golfo, e accoglie con favore il ruolo importante della Cina nel mantenimento della pace e della stabilità in Medio Oriente, ha affermato lo sceicco Al Nahyan. Xi ha dichiarato che i colloqui sono stati fruttuosi e di grande successo e che le parti hanno assistito alla cerimonia di scambio di numerosi accordi bilaterali di cooperazione, che hanno un contenuto ricco e coprono campi più ampi.

Il presidente cinese Xi Jinping, infine, ha invitato entrambi i paesi a promuovere congiuntamente il dialogo tra le civiltà e a spingere per uno sviluppo costante del partenariato strategico globale Cina-Emirati Arabi Uniti, al fine di dare nuovi contributi alla pace, all'armonia e allo sviluppo comune del mondo. Il principe Mohammed bin Zayed al Nahyan ha concordato con la proposta cinese di collaborare per costruire insieme una comunità dal futuro condiviso per l'umanità e ha espresso la volontà di approfondire il partenariato strategico globale tra i due paesi. (Cip)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..