Esteri
Mostra l'articolo per intero...
 
I fatti del giorno – Medio Oriente (5)
 
 
Roma, 12 ago 17:00 - (Agenzia Nova) - Turchia: dichiarazione congiunta di 4 partiti, “inaccettabile mancata estradizione Gulen” - È un fatto “inaccettabile” che il leader del movimento Hizmet Fetullah Gulen, considerato la mente dietro il fallito golpe del luglio 2016 in Turchia, viva ancora liberamente negli Stati Uniti e non sia stato estradato come richiesto più volte da Ankara. Lo si legge in un comunicato congiunto firmato da quattro partiti politici della Grande assemblea nazionale: il Partito giustizia e sviluppo (Akp), il Partito repubblicano popolare (Chp), il Partito del movimento nazionalista (Mhp) e il Partito Iyi. La dichiarazione sottolinea che il movimento guidato da Gulen, noto in Turchia come Organizzazione terroristica Fetullah (Feto), costituisce ancora una “grave minaccia alla sicurezza”. “Il leader del Feto, Fetullah Gulen, vive ancora liberamente negli Stati Uniti. Continua a gestire l'organizzazione terroristica dagli Usa e impartisce istruzioni ai membri dell'organizzazione terroristica. Continua a diffondere le sue idee contorte, usando le tattiche di organizzazioni terroristiche come lo Stato islamico e al Qaeda”, osservano i quattro partiti. “È inaccettabile che non sia stata data alcuna risposta alle numerose richieste delle istituzioni giudiziarie affinché Fetullah Gulen e altri leader dell'organizzazione terroristica vengano estradati in Turchia al fine di essere ritenuti responsabili dinanzi alla giustizia. Il fatto che le autorità statunitensi non abbiano intrapreso alcuna azione contro l'organizzazione terroristica Feto e contro Gülen influisce negativamente sulle relazioni di fiducia tra la Turchia e gli Stati Uniti”. I quattro partiti condividono quindi “la forte reazione espressa dalla società turca” a questo proposito e si aspetta da “amici e partner”, in particolare degli Stati Uniti, di “tenere conto della posizione comune contro il Feto” e che “vengano prese le misure necessarie per l'estradizione in Turchia dei membri del Feto e di Fetullah Gulen il prima possibile”. Il documento è firmato da Mehment Mus, deputato di Istanbul e vicepresidente dell’Akp; da Engin Ozkoc, deputato di Sakarya e vicepresidente del Chp; da Erkan Akcay, deputato di Manisa e vicepresidente dell’Mhp; e da Lutfu Turkkan, deputato di Kocaeli e vicepresidente del partito Iyi. (Res)
TUTTE LE NOTIZIE SU..