SPECIALE DIFESA
 
Speciale difesa: Siria, nuovo round colloqui tra delegazioni militari turche e statunitensi su zona sicurezza
 
 
Ankara, 13 ago 15:00 - (Agenzia Nova) - Una delegazione di funzionari militari statunitensi è giunta in Turchia per dare il via ai lavori volti all’istituzione di un centro operativo congiunto per coordinare la creazione di una zona di sicurezza nel nord della Siria. Secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa turca “Anadolu”, gli incontri si terranno nella provincia meridionale di Sanliurfa. La settimana scorsa i due alleati della Nato hanno raggiunto un’intesa che prevede l’istituzione di una “zona di sicurezza” utilizzata per assicurare il ritorno in patria dei rifugiati siriani che attualmente si trovano in Turchia e la creazione in Turchia un Centro operativo congiunto che si occuperà dell’operazione. Non sono stati tuttavia resi noti ulteriori dettagli sull'ampiezza della “zona di sicurezza” (la Turchia chiede che sia di almeno 32 chilometri, richiesta ritenuta eccessiva dagli Stati Uniti) e sulla sua natura. L’accordo tra Washington ed Ankara è stato condannato da Damasco che ha accusato Usa e Turchia di violare la sovranità siriana e sostiene che la “zona di sicurezza” sia “al servizio delle ambizioni espansionistiche turche”. Intanto oggi in un’intervista rilasciata all’emittente turca “Trt Haber”, il ministro della Difesa di Ankara, Hulusi Akar, ha dichiarato che la Turchia ha piani alternativi in caso di un fallimento dell'accordo con gli Stati Uniti. Akar ha affermato che nei prossimi giorni sono previsti alcuni nuovi passi per imporre una zona sicura nel nord della Siria: “Il controllo e il coordinamento dello spazio aereo sono molto importanti. Ci sono stati molti progressi in tal senso". (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..