GOVERNO
 
Governo: ministro Trenta a "Panorama" sulla crisi, "rifarei la mia battaglia mille volte"
 
 
Roma, 14 ago 10:16 - (Agenzia Nova) - Il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, in una intervista a "Panorama" non sembra dispiaciuta. "E perche mai?". Questa crisi nel governo si è aperta - anche - nel suo nome. "Ma figurarsi. E' nata per problemi politico tra i due alleati di governo. E per volontà di Salvini. non di altri". Ma il leader della Lega chiedeva anche la sua testa o no? (Sorride). "Ho letto questo retroscena: ma Salvini non ha ripetuto, in ogni piazza, che non era interessato ad alcuna poltrona?". I leghisti la accusavano di aver ostacolato il ministro dell'Interno nelle politiche sull'immigrazione. "Non ho ostacolato nessuno. Ho seguito la linea dei governo, cioè il programma: Direi che ho difeso - sempre e soltanto - — l'autonomia delle Forze armate. Lo faccio con orgoglio e lo rifarei mille volte ancora". Quando ha visto l'inno di Mameli eseguito in spiaggia con le cubiste leopardate cosa ha pensato? "Volete ancora farmi litigare con Salvini? Non ci riuscirete. Ma per me l'inno è un momento solenne". Hanno detto che lei è la prima ministra della Difesa 'pacifista', un ossimoro. "Voglio la pace, come tutti i militari italiani. Ma devo essere - e sono - pronta a tutto, persino alla guerra, per difendere la pace e il mio Paese". Trenta è capitano della riserva, come Salvini. (Ride). "Non direi. Lui è un capitano per finta, io per davvero". Il conflitto con Salvini sui mari? "Noi abbiamo una operazione che si chiama 'Mare sicuro'. E ora possiamo potenziare la polizia marittima. Vorrei che la missione 'Sofia' riprendesse la sua piena funzionalità". Avete raccolto immigrati, dice Salvini. "È stata una attività minima. Le navi di 'Sofia' lottavano contro i traffici di armi e di persone, traffico di petrolio". E ora? "Se questo governo finisce, tutto questo lavoro si perde", ha concluso Trenta. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..