ENERGIA
 
Energia: Libia, governo “orientale” avvia colloqui per costruzione gasdotto ad Al Sarir
 
 
Tripoli, 23 lug 18:03 - (Agenzia Nova) - Il governo libico non riconosciuto al livello internazionale con sede in Cirenaica intente affidare alla compagnia egiziana Petrojet il progetto per realizzare un gasdotto nel giacimento di Sarir, nel bacino della Sirte. Secondo quanto riferisce il sito web informativo libico “Libya Herald”, il capo della direzione generale dell'Energia elettrica e delle energie rinnovabili del governo “orientale” della Libia ha tenuto ieri un incontro Al Cairo con il presidente e amministratore delegato di Petrojet. Al centro dei colloqui, secondo il “Libya Herald”, il completamento del progetto del gasdotto per la stazione di servizio di Al Sarir e le modalità per superare gli ostacoli che hanno causato la sospensione dei lavori sulla linea per un lungo periodo di tempo. Gran parte della regione storica della Cirenaica, che si estende nella Libia orientale, è amministrata da un governo detto "transitorio", non riconosciuto al livello internazionale, con sede ad al Baida, a metà strada fra le città di Bengasi e Tobruk, guidato dal premier Abdullah al Thinni. L’esecutivo “ribelle” è fedele al comandante Haftar, nominato “feldmaresciallo” dalla Camera dei rappresentanti, il parlamento libico nato nel 2014 e che da allora si riunisce nell’est del paese. Il 4 aprile 2019, il generale Haftar ha lanciato un’offensiva per conquistare Tripoli, la capitale della Libia situata nell’ovest del paese controllata dal Consiglio presidenziale del Governo di accordo nazionale (Gna), organo esecutivo riconosciuto dalle Nazioni Unite. Gli oltre tre mesi di combattimenti hanno prodotto finora oltre mille morti, 5 mila feriti e 100 mila sfollati, secondo quando riferito dall'Organizzazione mondiale della sanità. (Lit)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..