CINA
 
Cina: provincia Fujian incrementa scambi con paesi Bri del 13 per cento nel primo semestre
 
 
Pechino, 22 lug 04:01 - (Agenzia Nova) - La provincia del Fujian, nella Cina sud-orientale, ha registrato nel primo semestre dell’anno una robusta crescita del commercio con i paesi della Nuova via della seta o Belt and Road Initiative (Bri), la grande iniziativa cinese di connettività. Il volume degli scambi è cresciuto del 13,6 per cento rispetto allo stesso periodo del 2018, raggiungendo 220,21 miliardi di yuan (circa 32 miliardi di dollari), pari al 34,6 per cento dell’intero commercio con l’estero della provincia, secondo i dati pubblicati dall’amministrazione doganale di Xiamen. I principali prodotti di esportazione sono stati i beni ad alta intensità di manodopera e gli articoli meccanici ed elettrici.

L’export di tessuti e capi di abbigliamento, mobili, borse, scarpe, prodotti in plastica e giocattoli ha raggiunto 51,9 miliardi di yuan nei sei mesi considerati, con un aumento del 23,7 per cento rispetto all’anno precedente; il settore meccanico ed elettrico ha esportato merci per 46 miliardi di yuan, con un incremento del 26,8 per cento. Per quanto riguarda, invece, le importazioni, il principale componente è stato il petrolio greggio, per un valore di 18,07 miliardi di yuan, aumentato del 10,4 per cento su base annua. Il commercio con i paesi dell’Associazione delle nazioni del Sud-est asiatico (Asean) ha rappresentato il 53,5 per cento del commercio totale della provincia con i paesi Bri: 117,6 miliardi di yuan, con un incremento annuo del 15,1 per cento.

Secondo i dati resi noti dalla Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma (Ndrc) in occasione del secondo Forum sulla sulla Nuova via della seta per la cooperazione internazionale (Brf) che si è tenuto ad aprile a Pechino, il volume degli scambi di beni tra la Cina e i paesi e le regioni lungo la Nuova via della seta ha superato i seimila miliardi di dollari nel periodo compreso tra il 2013 e il 2018. La Cina ha firmato 173 documenti di cooperazione con 125 paesi e 29 organizzazioni internazionali. I treni merci Cina-Europa, che collegano la Cina con 50 città in 15 paesi europei, hanno effettuato oltre 14 mila viaggi. Sono stati firmati accordi tra le banche centrali per lo scambio delle rispettive valute con 20 paesi. (Cip)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..