SPECIALE INFRASTRUTTURE
 
Speciale infrastrutture: Albania, parlamento approva costruzione di due collegamenti stradali
 
 
Tirana, 19 lug 17:15 - (Agenzia Nova) - Il parlamento albanese ha approvato ieri sera la costruzione di due costose tratte stradali, che verranno realizzate attraverso un partenariato pubblico privato (Ppp). Il primo progetto riguarda la strada Orikum-Dukat, nel sud del paese, lunga 14,7 chilometri che dovrebbe essere costruita dalla società albanese Gjikuria, per un costo complessivo di oltre 60 milioni di euro. Il secondo progetto, che ha sollevato molte polemiche, è quello che prevede la costruzione del tratto autostradale Milot-Balldren, lungo 17 chilometri, nel nord del paese. Affidata alla società albanese Ank shpk, l'intera sezione dovrebbe costare 213 milioni di euro, Iva esclusa. Calcolando anche l'Iva del 20 per cento, il costo totale si aggirerebbe attorno ai 260 milioni di euro. Secondo i dati resi pubblici, la società che ha ottenuto l'appalto ha riferito che per il finanziamento dei lavori otterrà un prestito bancario di 70 milioni di euro, con un tasso d'interesse al 5 per cento. Ank shpk investirà in proprio 52 milioni di euro "dal capitale societario". Le polemiche sull'assegnazione di questo progetto sono nate dal fatto che Ank risulta aver un capitale di soli 3,4 milioni di euro, che sarebbe insufficiente anche come garanzia per ottenere il prestito bancario di 70 milioni di euro. A sollevare altri dubbi il fatto che nel 2017 la società si era offerta di realizzare l'opera per 63 milioni di euro, e con un costo di manutenzione di 3,5 milioni di euro. Nell'attuale contratto invece l'ammontare della somma destinata alla costruzione di è più che raddoppiata, mentre i costi di manutenzione sono addirittura cinque volte maggiori. Le autorità non hanno dato spiegazioni sui sospetti sollevati, ma si sono limitati a dire che la tratta stradale rispetterebbe i massimi standard europei, e che il progetto prevede la costruzione di due tunnel, due ponti, strade secondarie, sottopassaggi e altri interventi. Per l'opposizione di centro destra guidata da Lulzim Basha, il tutto sarebbe un "mega-furto". Secondo Agron Shehaj, ex parlamentare del Partito democratico di Basha due sarebbero le opzioni "o la società ha presentato costi fittizi, oppure si tratta di uno schema di riciclaggio di soldi sporchi", ha dichiarato Shehaj secondo il quale ci sarebbero i presupposti per l'avvio di un'indagine dalla procura. Da parte sua il premier Edi Rama ha preso le difese del progetto, dichiarando che "i costi per la costruzione delle strade non possono essere misurati per metri come se fosse il tessuto per cucire un abito". (Alt)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..