NIGERIA
 
Nigeria: polizia, arrestati 920 sospetti nell'ultimo mese
 
 
Abuja, 17 giu 17:24 - (Agenzia Nova) - Le forze di polizia della Nigeria hanno arrestato nelle ultime quattro settimane nel paese 920 sospetti per rapimento, rapina a mano armata, omicidio e istigazione alla violenza. Lo ha detto ai media locali l'ispettore generale della polizia, Mohammed Adamu, precisando che gli arresti sono stati fatti nel quadro dell'operazione Puff Adder. Precisamente, 424 dei sospetti sono stati arrestati per rapimento, 44 ​​per omicidio, 276 per rapina a mano armata mentre 176 per istigazione. Adamu ha aggiunto che il maggior numero di fermati per rapimento proviene dallo stato di Kaduna (101 arresti), seguito dallo stato di Katsina con 79 arresti; 54 sospetti sono stati fermati nello stato di Nasarawa e 32 nello stato di Taraba. Durante l'operazione la polizia ha inoltre sequestrato un totale di 10.860 munizioni di varie descrizioni e calibro sono state recuperate, oltre a 301 armi da fuoco tra cui un lanciarazzi, fucili d'assalto AK-47, pistole e armi artigianali: il maggior numero è stato sequestrato nello stato di Katsina (80), seguito dallo stato di Edo con 26 e dallo stato di Kaduna con 25.

La situazione della sicurezza all'interno delle frontiere nigeriane è aggravato da ripetuti attacchi di gruppi armati, in particolare nella parte nordorientale del paese. Fonti della sicurezza citate dai media locali riferiscono oggi che almeno 30 persone sono morte in un triplice attentato suicida avvenuto ieri sera nello stato del Borno, nel nord-est del paese. Tre attentatori suicidi si sono fatti esplodere in un locale della città di Konduga, a 38 chilometri dal capoluogo Maiduguri, dove un gruppo di persone stava assistendo ad una partita di calcio in tv. Secondo quanto riferito dall'Agenzia di gestione delle emergenze (Sema), l’attacco ha provocato il ferimento di oltre 40 persone. L’attacco non è stato ancora rivendicato, tuttavia porta l'impronta di Boko Haram la cui offensiva è iniziata in Nigeria nel 2009 e da allora si è allargata anche ai paesi del bacino del lago Ciad. Secondo stime governative, dal 2009 ad oggi gli attacchi del gruppo n Nigeria hanno provocato oltre 27 mila vittime e costretto circa 2,6 milioni di persone ad abbandonare le loro abitazioni. Nonostante la contro-offensiva lanciata dalle forze militari della regione il gruppo continua a condurre attacchi, prendendo di mira soprattutto i civili. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..