SPECIALE DIFESA
 
Speciale difesa: Nato, Stoltenberg, prepariamoci a un mondo senza il Trattato Inf
 
 
Londra, 18 lug 15:30 - (Agenzia Nova) - Bisogna essere preparati a un mondo senza il Trattato sulle forze nucleari a medio raggio (Inf) e con la presenza più missili russi. Lo ha detto, in una intervista alla “Bbc”, il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, che ha sottolineato che il tempo per salvare il trattato stringe e che, se la Russia non tornerà al rispetto di quegli impegni entro il 2 agosto, la risposta dell'Alleanza sarà "misurata" e "difensiva". Il segretario generale ha ricordato che la pianificazione russa di nuovi sistemi missilistici, che sono dotati di capacità nucleare, mobili, molto difficili da individuare e in grado di raggiungere le città europee in pochi minuti, rappresentano "una chiara violazione del trattato" che, firmato nel 1987 da Usa e Urss, vieta missili nucleari a corto e medio raggio. A febbraio scorso, gli Usa hanno annunciato di avviare le procedure per ritirarsi dall'accordo: procedure che richiedono sei mesi e la cui scadenza è prevista per l’appunto il 2 agosto. Tutto ciò è un fatto "serio", perché "il Trattato Inf è stato una pietra angolare nel monitoraggio delle armi da decenni", ha detto Stoltenberg. In questi sei mesi, l'obiettivo della Nato è stato, ed è, quello di fare in modo che Mosca torni alla conformità del trattato, ma dal paese non si vedono "segnali" in questo senso e "perciò dobbiamo essere preparati per un mondo senza il Trattato Inf e con più missili russi". Stoltenberg ha sottolineato che la Nato non ha in programma di schierare missili nucleari in Europa, ma anche che la sua risposta sarà misurata e difensiva e che potrebbe includere la difesa aerea e la missilistica convenzionale, i nuovi esercizi e la prontezza delle forze e le nuove iniziative di controllo degli armamenti. Ogni decisione finale, comunque, verrà dopo la scadenza. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..