GRECIA
 
Grecia: nuovi parlamentari prestano giuramento, domani voto del nuovo presidente
 
 
Atene, 17 lug 13:17 - (Agenzia Nova) - I 300 deputati della diciottesima legislatura greca hanno prestato giuramento questa mattina sia con il rito civile che religioso. Successivamente, l'arcivescovo ortodosso di Atene e di tutta la Grecia, Geronimo I e membri del Santo Sinodo hanno diretto la tradizionale benedizione. A presiedere la plenaria è stato il parlamentare di Syriza e vicepresidente del Parlamento nella legislatura uscente, Giorgos Varemenos, sulla base del regolamento dell’Assemblea nazionale ellenica. Il nuovo parlamento conta un totale di 61 donne elette provenienti da tutti e sei i partiti presenti nell’emicicol e 112 nuovi parlamentari eletti per il primo mandato. Il primo atto della nuova legislatura sarà domani l’elezione del nuovo presidente del Parlamento. Nuova democrazia (Nd), partito di governo, ha proposto il nome di Konstantinos Tasoulas, esperto parlamentare alla quinta legislatura. Il leader dell’opposizione ed ex premier, Alexis Tsipas, ha fatto sapere sul suo account Twitter l’intenzione del suo partito Syriza di votare a favore di Tasoulas. Il voto di fiducia sul nuovo esecutivo, guidato dal primo ministro Kyriakos Mitsotakis, è invece atteso per la giornata di domenica.

Sono sei i partiti che avranno una rappresentanza in questa legislatura: il vincitore delle elezioni, Nuova democrazia (Nd) del premier Kyriakos Mitsotakis che dispone di 158 seggi (maggioranza assoluta); Syrizia – Alleanza progressista, schieramento a guida dell’ex primo ministro, Alexis Tsipras, con 86 seggi; il Movimento per il cambiamento (Kinal) con 22 parlamentari; il Partito comunista greco (Kke) con 15 seggi; la formazione considerata filo-russa Soluzione greca con 10 seggi e infine il movimento dell’ex ministro delle Finanze, Yanis Varoufakis, MeRA25 (DiEM25) con nove parlamentari.

Il nuovo governo greco ha prestato giuramento lo scorso 9 luglio alla presenza del presidente della Repubblica, Prokopis Pavlopoulos, dell'arcivescovo di Atene e di tutta la Grecia, Geronimo II e dello stesso primo ministro incaricato Mitsotakis. I nomi del nuovo esecutivo di Atene, che tra ministri e sottosegretari ammonta a 51 membri, sono stati annunciati in precedenza dal portavoce Stelios Petsas. Il parlamentare di Nuova democrazia (Nd) e avvocato, Nikos Dendias, già ministro della Difesa tra il novembre del 2014 ed il gennaio 2015, è il nuovo ministro degli Esteri, mentre l’economista, Christos Staikouras, è a capo del dicastero delle Finanze dove è stato vice ministro tra il giugno 2012 ed il gennaio 2015. Nikos Panagiotopoulos è il ministro della Difesa, mentre Adonis Georgiadis avrà il portafoglio allo Sviluppo e agli investimenti e ancora Vassilis Kikilias alla guida del ministero della Sanità.

Michalis Chrysochoidis, che è stato ministro per la Protezione civile nel governo provvisorio di Lucas Papademos nel 2012 ricopre l’incarico di ministro per l’ordine pubblico, incarico già svolto sotto il governo del Partito socialista (Pasok) tra il 1999 ed il 2004. Il ministro dell’Interno è Takis Theodorikakos mentre il dicastero è guidato da Costis Chatzidakis. Panagiotis Pikrammenos, giudice in pensione che è stato anche per un breve periodo primo ministro ad interim nel 2012, è vice premier. Tra le cinque donne nell’esecutivo, Niki Kerameos ministro per l’Educazione e Lina Mendoni ministro della Cultura. Nuova democrazia, partito di Mitsotakis, ha vinto le elezioni anticipate di domenica ottenendo 158 seggi in Parlamento, numero più che sufficiente per governare in solitaria. (Gra)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..