UE
Mostra l'articolo per intero...
 
Ue: Cipro, Pil +2,9 per cento nel 2019 e +2,6 per cento nel 2020 (3)
 
 
Bruxelles, 10 lug 11:24 - (Agenzia Nova) - Il rallentamento del turismo e l'intensificarsi delle tensioni commerciali a livello mondiale rischiano di incidere sulle entrate delle esportazioni e sulle decisioni di investimento, portando a una crescita più moderata di quanto previsto in primavera. L'inflazione rimane bassa. Il fattore principale alla base dell'inflazione bassa sono stati i prezzi dei beni non energetici, che hanno continuato a scendere rispetto a un anno fa. I prezzi del petrolio più bassi, tuttavia, sono destinati a ridurre l'inflazione nella seconda metà del 2019 a un tasso annuale dello 0,5 per cento e l'inflazione dovrebbe attestarsi allo 0,9 per cento nel 2020. (Beb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..