SPECIALE DIFESA
 
Speciale difesa: Libia, Haftar mette sotto indagine i servizi di sicurezza dopo l'autobomba di Bengasi
 
 
Tripoli, 12 lug 15:15 - (Agenzia Nova) - Il generale Khalifa Haftar, comandante dell'autoproclamato Esercito nazionale libico (Lna), ha chiesto un’indagine sui servizi di sicurezza dopo l’autobomba esplosa ieri nel quartiere Hawari di Bengasi, capoluogo della regione orientale libica della Cirenaica, durante i funerali del generale Khalifa al Mismari, ex comandante delle Forze speciali dell’Lna. In un ordine scritto di cui “Agenzia Nova” ha potuto vedere una copia, Haftar ha chiesto al capo di Stato maggiore dell’Lna, Abdulrazek al Nadoori, di indagare su tutti i servizi di sicurezza in relazione all’attentato che ha provocato un numero ancora incerto di vittime: si parla di almeno tre o quattro morti a seconda delle fonti. Ahmad al Mismari, portavoce dell’Lna ha riferito di “tre esplosioni” nel cimitero Hawari di Bengasi e di un “chiaro coinvolgimento degli estremisti negli attacchi”. Dopo oltre tre anni di sanguinosi combattimenti, il "maresciallo di campo" Haftar ha annunciato il 5 luglio del 2017 la "liberazione totale" dalla presenza dei miliziani jihadisti della città di Bengasi, capoluogo della Cirenaica e principale centro urbano dell'est della Libia. Circa un anno più tardi, il 29 giugno 2018, il comandante dell’Lna ha proclamato la conquista completa della città di Derna, in Libia orientale, e “la fine del terrorismo in tutte le zone dell’est della Libia”. Diverse organizzazioni non governative come Amnesty International e Human Rights Watch hanno denunciato gravi violazioni delle convenzioni internazionali e presunti crimini di guerra commessi dagli uomini di Haftar sia a Bengasi che a Derna. Il 4 aprile 2019, l’uomo forte della Cirenaica ha lanciato un’offensiva per conquistare Tripoli, la capitale della Libia situata nell’ovest del paese. I tre mesi di combattimenti hanno prodotto finora oltre 1.000 morti e 5.000 feriti, secondo quando riferito dall'Organizzazione mondiale della Sanità. (Lit)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..