MIGRANTI
 
Migranti: Moavero, arrivo incontrollato mette in crisi Schengen
 
 
Roma, 27 giu 10:53 - (Agenzia Nova) - L’arrivo incontrollato di migranti e la possibilità per queste persone di spostarsi in altri paesi mette in crisi Schengen e in questo contesto è “inevitabile che uno dei gravi rischi di un non governo dei flussi è la rinascita di frontiere di tipo interno”. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri e della Cooperazione internazionale, Enzo Moavero Milanesi, parlando oggi alle commissioni congiunte Esteri e Politiche Unione europea di Senato e Camera sugli esiti del Consiglio europeo del 20 e 21 giugno. In merito a quanto dichiarato ieri dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini, sulla possibilità di contravvenire alle normative europee che prevedono l’identificazione dei migranti a seguito del caso Sea Watch, Moavero ha sottolineato: “Vediamo quello che accade, penso che le norme in materia siano tali da lasciare un margine di apprezzamento, ma il punto chiave e indispensabile è la necessità che si proceda a tutto tondo. Quindi, se le normative europee vanno applicate, è anche importante però che altri stati applichino la loro componente di norme”. In merito all’ipotesi, sempre aperta da Salvini, di creare barriere di confine, Moavero ha sottolineato: “L’Ue non dovrebbe prevedere barriere interne. E' inevitabile che uno dei gravi rischi del non governo dei flussi è che rinascano frontiere di tipo interno. Ma noi dobbiamo preoccuparci di quanto accade se c’è una inazione europea sul nostro territorio”.
(Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..