MIGRANTI
 
Migranti: Grasso (Leu), alternativa è tra vita e morte
 
 
Roma, 26 giu 18:59 - (Agenzia Nova) - Il senatore di Liberi e uguali, Pietro Grasso, in un post su Facebook, scrive: "Cadaveri nelle reti dei pescatori, persone nelle reti dei trafficanti, naufraghi salvi su una nave senza porti in cui attraccare. Cosa scegliamo per queste persone? Mentre scrivo la Sea-Watch 3 sta entrando a Lampedusa: la comandante ha deciso che la situazione era insostenibile per le 42 persone a bordo da giorni, quelle che in tanti erano già pronti ad accogliere, come i sindaci tedeschi o le famiglie della diocesi di Torino (senza nessun costo per lo Stato, tra l’altro). Oggi il corpo di un giovane uomo è stato pescato insieme ai pesci, a poche miglia da Agrigento. Morto. Probabilmente, scrivono i giornali, uno dei migliaia di naufraghi affogati nel Mediterraneo". Contemporaneamente, prosegue Grasso, "il mondo si indigna vedendo la fotografia di un padre e della sua bimba morti annegati, stretti in un abbraccio, nel Rio Grande: cercavano di attraversare il confine. Torno alla domanda iniziale: cosa scegliamo per queste persone? Il lavoro delle Ong o il traffico delle mafie? I campi di concentramento in Libia o il diritto di asilo? Più banalmente: la vita o la morte?".


(Rin)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..