GIAPPONE-USA
 
Giappone-Usa: Tokyo smentisce che Trump abbia ponderato fine trattato difensivo
 
 
Tokyo, 26 giu 05:14 - (Agenzia Nova) - Il segretario capo di Gabinetto del governo giapponese, Yoshihide Suga, ha dichiarato che Tokyo ha ricevuto rassicurazioni dal governo Usa che le indiscrezioni di stampa, secondo cui il presidente Donald Trump starebbe ponderando il ritiro di Washington dal trattato difensivo sottoscritto dopo la Seconda guerra mondiale, sono infondate. Suga lo ha dichiarato nella serata di ieri. “Abbiamo appurato con la Casa Bianca che (l’indiscrezione diffusa dalla stampa Usa) non corrisponde alla posizione del governo statunitense”, ha affermato il funzionario. Suga ha ricordato che l’alleanza bilaterale con gli Usa costituisce la pietra miliare delle politiche estera e di sicurezza del Giappone, nonché il nucleo delle relazioni tra Stati Uniti e Giappone nell’arco degli ultimi 60 anni. Il ministro degli Esteri giapponese, Taro Kono, ha fatto eco alle dichiarazioni di Suga: “La Casa Bianca ci ha detto che non stanno affatto valutando la conclusione o la revisione del trattato”, ha affermato il ministro.

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, avrebbe recentemente discusso la terminazione del trattato difensivo sottoscritto con il Giappone, argomentando che il patto sottoscritto dopo la Seconda guerra mondiale imponga agli Usa condizioni inique. Lo ha riferito “Bloomberg”, che cita fonti vicine alla Casa Bianca secondo cui il presidente non ha però assunto alcuna iniziativa concreta in tal senso, e tale eventualità appare al momento assai remota. Il presidente Usa ritiene che il trattato difensivo sottoscritto da Usa e Giappone oltre sessant’anni fa ponga la gran parte degli oneri sugli Stati Uniti, mentre le Forze armate giapponesi non siano vincolate concretamente in alcun modo a intervenire a difesa degli Usa, anche a seguito delle riforme varate dal premier Abe negli ultimi anni, con l’introduzione del vincolo di “autodifesa collettiva”. Secondo le fonti citate da “Bloomberg”, Trump avrebbe anche discusso la richiesta al Giappone di compensazioni economiche per il controverso piano di trasferimento della più grande base aerea statunitense a Okinawa. La Casa Bianca ha evitato di commentare le indiscrezioni.

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, si aspetta che le Forze di autodifesa giapponesi rafforzino la postura militare statunitense nella regione Asiatica e oltre. Il presidente lo ha dichiarato alal fine di maggio, nell’ultima giornata della sua visita di Stato in Giappone, durante la quale è salito a bordo della portaelicotteri della Marina giapponese Kaga. Il vascello – il più grande in dotazione alla Marina del Giappone – verrà convertito nel prossimo futuro per trasportare e operare i cacciabombardieri V-35B a decollo corto e atterraggio verticale, che forniranno alle Forze armate giapponesi una capacità di proiezione della forza senza precedenti nella storia post-bellica di quel paese. “Con questi straordinari nuovi equipaggiamenti, la Kaga aiuterà i nostri paesi a difendersi contro una vasta gamma di minacce complesse nella regione e oltre”, ha detto Trump, che ha tenuto un discorso dal ponte della nave. La Kaga e la sua nave gemella, la Izumo, rafforzeranno in futuro la capacità operativa delle Forze Usa in Giappone, fungendo da piattaforma per il rifornimento e il riarmo anche degli F-35B statunitensi. (Git)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..