CINA-AFRICA
 
Cina-Africa: ministro Esteri Wang e omologhi africani sostengono cooperazione
 
 
Pechino, 25 giu 05:19 - (Agenzia Nova) - Il ministro degli Esteri della Cina, Wang Yi, ha incontrato ieri a Pechino i suoi omologhi di nove paesi africani, e tutte le parti si sono impegnate a rafforzare la cooperazione e sostenere il multilateralismo. Secondo quanto riferisce "china.org", i ministri degli esteri presenti all’incontro erano: Naledi Pandor dal Sudafrica, Palamagamba Kabudi dalla Tanzania, Ezechiel Nibigira dal Burundi, Aurelien Agbenonci dal Benin, Nhial Deng Nhial dal Sud Sudan, Mamadou Tangara dal Gambia, Joseph Malanji dallo Zambia, Luis Filipe Tavares da Capo Verde, e Gbehzohngar Findley dalla Liberia. I ministri degli Esteri africani si trovano a Pechino per partecipare alla riunione dei coordinatori sull'attuazione delle azioni concordate dal vertice di Pechino del forum sulla cooperazione Cina-Africa (Focac), con l'obiettivo di migliorare l'attuazione dei risultati del vertice di Pechino del 2018.

Wang ha detto che la Cina e il Sudafrica, in qualità di rappresentanti dei mercati emergenti e in via di sviluppo, dovrebbero salvaguardare congiuntamente le missioni e i principi della Carta delle Nazioni Unite, sostenere il multilateralismo, le norme di base delle relazioni internazionali e opporsi a qualsiasi forma di unilateralismo, oltre a promuovere la pace mondiale, lo sviluppo e la prosperità. Pandor ha detto che il Sudafrica e l'intero Continente africano sono partner della Cina per resistere congiuntamente all'unilateralismo e alle pratiche di "bullismo" economico. Nell'incontro con Kabudi, Wang ha espresso la disponibilità della Cina a collaborare con la Tanzania per mantenere gli scambi ad alto livello e sfruttare l'opportunità di costruire congiuntamente la Nuova via della seta (Bri, Belt and Road Initiative) e la riunione dei coordinatori per garantire migliori risultati nella cooperazione bilaterale. Kabudi ha dichiarato che il vertice di Pechino della Focac è una pietra miliare e che la Tanzania è pronta a facilitare la cooperazione nella costruzione di infrastrutture, nella capacità industriale e in settori culturali, educativi e in altre aree.

Durante gli incontri con Nibigira, Agbenonci, Nhial e Tangara, Wang ha detto che l'attuale situazione internazionale è complessa, ma la determinazione della Cina a rafforzare la sua solidarietà e amicizia con i paesi africani rimane invariata. Nibigira ha detto che il Burundi è allineato alla Bri e continuerà a sostenere la Cina su questioni riguardanti gli interessi principali di Pechino. Agbenonci ha affermato che il multilateralismo è l'unica scelta corretta. Solo attraverso il multilateralismo può essere ascoltata la voce dei paesi piccoli e medi, in particolare delle nazioni africane, ha affermato il ministro.

Nhial ha detto che il Sud Sudan ringrazia la Cina per il suo aiuto in vari campi, in particolare il suo sostegno e il suo contributo al processo di pace. Tangara ha dichiarato invece che sin dalla ripresa delle relazioni diplomatiche tra Cina e Gambia, che la cooperazione bilaterale in vari settori si è sviluppata rapidamente e che il Gambia può essere considerato un partner sincero della Cina. Durante le riunioni separate con Malanji, Tavares e Findley, Wang ha detto che la Cina continuerà a sostenere la giustizia e perseguire i principi condivisi di sincerità e buona fede.

"La cooperazione della Cina con l'Africa è sincera e disinteressata, e non ha scopi geopolitici. La Cina ha sempre seguito il principio di non interferenza, fornito gli aiuti di cui l'Africa aveva bisogno, portato avanti la cooperazione Sud-Sud e aiutato a raggiungere uno sviluppo comune", ha sottolineato il ministro degli Esteri cinese. Wang ha poi aggiunto che la cooperazione tra Cina e Africa è favorevole alla costruzione di infrastrutture nel continente africano, ai benefici economici e sociali e all'auto-sviluppo. "L'Africa offre un grande palcoscenico di cooperazione tra diversi paesi, non un'arena di grandi potenze", ha detto Wang, aggiungendo che: "Gli amici africani giungeranno a una giusta conclusione su chi attribuisce davvero importanza, rispetto e sostegno all'Africa".

Malanji ha affermato che i prestiti cinesi sono stati utilizzati per le infrastrutture di cui lo Zambia ha più bisogno, per promuovere lo sviluppo economico e portare benessere sociale alla propria gente. Tavares ha detto che Capo Verde sostiene il principio di una sola Cina e che il paese è pronto a realizzare pienamente il consenso raggiunto dai leader dei due paesi, a rafforzare il dialogo strategico e ad approfondire la cooperazione, in particolare la cooperazione per l'economia marittima, per spingere le relazioni bilaterali in una nuova era. Findley ha detto che la Cina è una vera amica della Liberia insieme alla quale ha contribuito a combattere l'Ebola e ha svolto un ruolo importante nella ricostruzione post-epidemica. Findley ha rimarcato che la Liberia è pronta a migliorare la cooperazione reciprocamente vantaggiosa con la Cina. Sempre lunedì, Yang Jiechi, membro dell'Ufficio politico del Comitato centrale del Partito comunista cinese (Cpc) e direttore dell'Ufficio della Commissione per gli affari esteri del Comitato centrale del Partito comunista, ha incontrato tutti i capi delegazione presenti per partecipare l'incontro dei coordinatori. (Cip)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..