ENERGIA
Mostra l'articolo per intero...
 
Energia: Giappone, Kepco trasporterà Mox dalla Francia dal 2020 (3)
 
 
Tokyo, 01 apr 11:03 - (Agenzia Nova) - Tokyo ha dovuto ridimensionare drasticamente la propria ambizione a conseguire l’indipendenza sul fronte del ciclo del ciclo del combustibile nucleare. Alla fine del 2016 le autorità giapponesi hanno annunciato di voler arrestare l’ambizioso e costosissimo progetto del reattore autofertilizzante di Monju, fulcro delle ambizioni del paese di riciclare il proprio combustibile nucleare. Rassegnarsi a chiudere il progetto, già costato centinaia di miliardi di yen, non è però così semplice. Il Giappone, infatti, si è dotato di una enorme riserva di plutonio arricchito proprio durante la realizzazione del reattore. Stando al quotidiano "Asahi", Tokyo faticherà a ridurre questa scorta di plutonio nei prossimi anni. La soluzione di ripiego potrebbe essere la costruzione di un reattore veloce, che al contrario di quello autofertilizzante non produce più materiale fissile di quanto ne consumi durante la vita di una carica. (segue) (Git)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..