IRAQ
Mostra l'articolo per intero...
 
Iraq: tensioni regionali e dispute interne, a rischio il governo di Abdul Mahdi (8)
 
 
Baghdad, 19 giu 16:45 - (Agenzia Nova) - Nel tentativo di controllare la crisi è intervenuto, sempre nella giornata di ieri, il presidente Barham Salih ha convocato per la terza volta dall’inizio del suo mandato i leader delle forze politiche nazionale. Come si legge nel comunicato diramato al termine della riunione, i partecipanti hanno condiviso la necessità di nominare i ministri “mancanti”, fra i quali spiccano quelli della Difesa e dell’Interno, entro un periodo massimo di due settimane. La selezione, si sottolinea, deve basarsi “su competenza, professionalità, integrità e curriculum” e non su “quote partigiane”. Durante la riunione hanno trovato spazio, tuttavia, anche gli ultimi sviluppi regionali, segnati dalle crescenti tensioni tra Stati Uniti e Iran, con l’Iraq che rischia nuovamente di trasformarsi in terreno di scontro. È stata evidenziata la necessità di evitare che il paese venga trascinato in conflitti regionali. “Ogni partito che deliberatamente devierà dai principi dell’azione nazionale unificata” sarà da considerarsi “fuori dal consenso nazionale” e dunque “in una posizione ostile verso lo Stato e verso gli interessi del popolo”. Si fa riferimento, in particolare, a un Documento quadro di politica nazionale adottato nel corso della prima riunione convocata da Salih lo scorso 19 maggio e il cui testo dovrebbe essere pubblicato a breve. I leader politici hanno quindi ribadito la propria adesione al documento, impegnandosi a monitorarne l’attuazione. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..