IRAQ
Mostra l'articolo per intero...
 
Iraq: tensioni regionali e dispute interne, a rischio il governo di Abdul Mahdi (9)
 
 
Baghdad, 19 giu 16:45 - (Agenzia Nova) - Sullo sfondo, intanto, emerge nuovamente la figura dell’ex premier Abadi, che lo scorso anno era dato per favorito per la corsa alla guida del nuovo governo. Protagonista della vittoria militare sullo Stato islamico, Abadi era caduto però in disgrazia con le proteste (secondo alcuni osservatori alimentate dall’Iran) scoppiate la scorsa estate a Bassora. Nei mesi precedenti, il suo governo era entrato in collisione con la Repubblica islamica a causa dell’annunciato appoggio iracheno alle nuove sanzioni Usa nei confronti di Teheran. Secondo il portale “Rudaw”, Abadi è tuttavia oggi una “spina nel fianco” di Abdul Mahdi: molto dure, in particolare, le sue critiche verso la decisione del governo di pagare gli stipendi dei dipendenti pubblici del Kurdistan iracheno nel tentativo di ricucire lo strappo con Erbil aperto dal referendum sull’indipendenza curda del 2017. Nonostante Baghdad abbia sbloccato i fondi a favore del Kurdistan iracheno, infatti, Erbil non ha ancora rispettato l’impegno di trasferire 250 mila barili di petrolio curdo al giorno alle autorità federali. In ogni sessione del parlamento, i deputati legati ad Abadi attaccano il governo su tale punto e, nel tentativo di coprirsi il fianco, Abdul Mahdi è atteso nei prossimi giorni a Erbil. Difficile, tuttavia, che la questione possa risolversi prima della formazione del nuovo governo curdo che dovrebbe essere guidato da Masrour Barzani, figlio dell’ex presidente Massoud. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..