SPECIALE DIFESA
 
Speciale difesa: Libano, arrestati due siriani che pianificavano attacchi a siti religiosi
 
 
Beirut, 17 giu 16:45 - (Agenzia Nova) - Le forze di sicurezza interne del Libano hanno arrestato due siriani sospettati di aver legami con lo Stato islamico e che pianificavano attentati dinamitardi in luoghi religiosi. Lo riferisce oggi un comunicato stampa delle forze di sicurezza interne libanesi. "Nell'ambito delle operazioni di sicurezza preventiva svolte dalla divisione informazioni sul monitoraggio delle attività delle cellule terroristiche, in particolare quelle associate al gruppo terroristico dello Stato islamico, la divisione è stata in grado di monitorare e identificare un residente del Libano meridionale che diffondeva l'ideologia dell'Is sui social media e reclutava persone a proprio vantaggio", si legge. Il sospetto è stato identificato come Z.M., cittadino siriano che vive nella città meridionale di Yater, in Libano. L'uomo ha confessato durante le indagini di aver avuto legami con l'Is e di aver promosso la sua ideologia attraverso una serie di canali e applicazioni online. Inoltre, ha ammesso di avere legami con individui al di fuori del Libano che lo hanno aiutato nella creazione di pagine sui social network per la promozione dell'ideologia dell'Is. Dopo un video rilasciato dal leader dell'Is Abu Bakr al Baghdadi, che elogiava gli attentati di Pasqua nello Sri Lanka, il sospetto ha ammesso di aver scritto con una bomboletta spray su un muro all'ingresso della città di Yater: "Nipote di Abu Bakr al Baghdadi", firmato "lo Stato islamico". Insieme ad altri adepti, l'uomo ha pensato di simulare gli attacchi dello Sri Lanka in Libano, prendendo di mira chiese e luoghi di culto sciiti nel sud del Libano, uccidendo il maggior numero di fedeli, si legge nella dichiarazione. Inoltre, l'arrestato ha ammesso di aver effettuato accessi sui siti web di jihadisti per guardare tutorial su come creare bombe improvvisate. L'uomo ha ammesso di aver avuto contatti con un altro cittadino siriano, identificato come S.B., anch'egli arrestato per essere stato reclutato. L'annuncio giunge a poche settimane da un attacco avvenuto a Tripoli, nel nord del paese, in cui sono morti quattro agenti della sicurezza libanese. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..