IRAQ
Mostra l'articolo per intero...
 
Iraq: governo Baghdad assume controllo reti telefoniche Kurdistan (2)
 
 
Baghdad, 09 ott 2017 12:24 - (Agenzia Nova) - L'esecutivo di Baghdad ha annunciato di voler risolvere la disputa con la regione autonoma del Kurdistan in maniera pacifica, ma continua a ritenere il referendum sull'indipendenza "una palese violazione" della Costituzione. E' quanto si legge in una dichiarazione stampa diffusa dall'ambasciata irachena a Roma. "I cittadini curdi - continua la dichiarazione - hanno votato in maniera del tutto spontanea. Tale referendum annienta gli sforzi internazionali per la lotta al terrorismo, e in particolar modo la battaglia contro Daesh (acronimo per Stato islamico dell'Iraq e del Levante) e pertanto viene considerato un pericolo per la sicurezza regionale". Nella dichiarazione si ribadisce che "i campi petroliferi del nord dell’Iraq fanno parte del patrimonio del paese e che la provincia di Kirkuk (dove si è votato per il referendum) è parte integrante del territorio iracheno e la regione del Kurdistan non ha alcun diritto ad annetterla con la forza ed imporre la politica del fatto compiuto". (segue) (Irb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..