IMMIGRAZIONE
Mostra l'articolo per intero...
 
Immigrazione: Uil Lazio, con espulsione di massa -19 mld Pil regione, -80 mila imprese e buco da 1 mld in conti previdenza
 
 
Roma, 16 mag 14:27 - (Agenzia Nova) - Una contrazione del Pil regionale di 19 miliardi di euro (valore pari alla somma della ricchezza prodotta da Basilicata e Molise), la scomparsa di 80 mila realtà imprenditoriali (soprattutto di piccole dimensioni), 300 mila occupati in meno, un buco da un miliardo di euro nei conti della previdenza, 7 mila insegnanti in esubero e un tracollo del welfare per migliaia di nostri concittadini. Secondo uno studio della Uil del Lazio e l'istituto di ricerca Eures, è questo in sintesi lo scenario che ci troveremmo dinanzi, se dalla Regione Lazio, improvvisamente, fossero espulsi i 680 mila stranieri regolarmente residenti e si imponesse un blocco totale dei flussi migratori in entrata. Alla presentazione del dossier sull'immigrazione, presso la sede Uil regionale, sono intervenuti, tra gli altri, il segretario generale della Uil Lazio, Alberto Civica, il presidente dell'Eures, Fabio Piacenti e il presidente di Migrarti, Paolo Masini. La Uil del Lazio e l'istituto di ricerca Eures hanno ipotizzato una regione senza stranieri integrando le fonti ufficiali di Inps, Istat e Miur ai propri database per fornire "una risposta scientifica sulle ricadute economiche e sociali che un'eventuale 'Italia agli italiani' comporterebbe per il Lazio e la nazione". (segue) (xcol2)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..