MOLDOVA
Mostra l'articolo per intero...
 
Moldova: Corte costituzionale cancella decisioni su scioglimento Parlamento ed elezioni anticipate (5)
 
 
Chisinau, 15 giu 15:20 - (Agenzia Nova) - In una conferenza stampa, Filip ha chiarito ieri che a far scaturire le sue dimissioni è stata “l'enorme pressione sui dipendenti pubblici, insegnanti e medici negli ultimi giorni”. Il premier uscente ha detto di lasciare “con la coscienza a posto”. "Credo e spero che arriveremo al giorno in cui la nostra stessa gente deciderà il suo destino e nessuno dall'esterno si intrometterà. Auguro successo a Maia Sandu e spero, per il bene della gente, che farà piu' di me”, ha detto Filip. “Durante questo periodo – ha aggiunto - i nostri vicini sono stati accanto a noi: Romania e Ucraina. Voglio ringraziare Bucarest per averci aiutato quando ne avevamo bisogno, anche finanziariamente. Ringrazio Kiev per averci sostenuto nei nostri sforzi per difendere l'integrità territoriale e ripristinare il controllo del confine di Stato sul segmento della Transnistria”. Filip ha sottolineato che il suo obiettivo, durante il mandato, è stato “quello di rendere irreversibile il nostro percorso europeo”, evidenziando che la sua decisione “mon annullerà le decisioni della Corte costituzionale”, per cui la crisi istituzionale rimarrebbe “irrisolta”. “Sono certo – ha concluso - che tutti gli attori politici lo capiscono e spero che troveranno una via d'uscita dalla situazione. Voglio che tutti sappiano che la decisione odierna non significa che stiamo rinunciando. Continueremo a lavorare per la Moldova, ma da altre posizioni". (segue) (Moc)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..