SPECIALE DIFESA
 
Speciale difesa: Sri Lanka, analista Gunaratna, Stato islamico collegato con l'India non con il Pakistan
 
 
Colombo, 12 giu 15:15 - (Agenzia Nova) - L'esperto in terrorismo e professore di Studi di Sicurezza Rohan Gunaratna ha affermato che lo Stato islamico (Is) in Sri Lanka non è collegato con il Pakistan ma con l'India. In un'intervista riportata dal quotidiano indiano "Hindustan Times", Gunaratna, di origini cingalesi, ha dichiarato che l'influenza del gruppo indiano Tamil Nadu Tawheed Jamaath è stata estremamente dannosa per lo Sri Lanka. L'esperto ha affermato che predicatori estremisti provenienti dal Tamil Nadu hanno influenzato la radicalizzazione di gruppi in Sri Lanka. Secondo Gunaratna, vista l'espansione dell'Is in Asia, i governi e le autorità religiose dovrebbero incontrarsi una volta al mese per trovare i modi per arginare questo fenomeno. "In cinque anni, i nostri paesi saranno rovinati dall'espansione dell'ideologia di Is. Nonostante ci siano wahabbiti e salafiti non violenti, studi e ricerche nella regione mostrano che ideologie straniere sono deleterie per l'Islam tradizionale, il sufismo. I modelli wahabbiti e salafiti generano intolleranza. Se incitato, l'esclusivismo porta all'estremismo ed al terrorismo", ha detto l'esperto, secondo cui la rete di Is in Sri Lanka non è collegata con il Pakistan, ma con l'India e il Medio Oriente, e che il finanziamento e la preparazione per gli attacchi di Pasqua è avvenuto principalmente in Sri Lanka. Sempre riferendosi agli attacchi di Pasqua, Gunaratna ha dichiarato che "Is ha costruito numerosi campi tra cui quelli a Vanathavilu, Hambanthota e Nuwaraeliya. La tecnologia è stata ottenuta prevalentemente attraverso internet. Il costruttore delle bombe era Mohammed Hashtoon, un giovane musulmano che si era radicalizzato e che era poi stato reclutato dal terrorista a capo della cellula, Zahran Hashim". Concludendo le sue riflessioni sul terrorismo in Sri Lanka, l'esperto ha osservato che l'Is si sta espandendo in tutta la regione asiatica, India inclusa, e che il pericolo si allarga velocemente, specialmente attraverso mezzi informatici. Ha dichiarato che la creazione di branchie di Is separate in diversi paesi e subregioni rispetto a regioni più ampie riflette una nuova strategia adottata dal gruppo terroristico, che essendo in espansione globale si sta decentralizzando, lasciando più potere decisionale ad ogni sottogruppo nei diversi paesi. Lo Sri Lanka sta ancora facendo fatica a rimettersi in piedi dopo che otto attacchi suicidi hanno causato la morte di 258 persone e interrotto la pace che regnava da un decennio, dalla fine della brutale guerra civile durata trent'anni. In quella guerra erano rimaste uccise più di 120 mila persone. (Fim)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..