SPECIALE ENERGIA
 
Speciale energia: vice segretario di Stato Usa, azioni turche in Zee di Cipro “provocatorie”
 
 
Nicosia, 10 giu 14:30 - (Agenzia Nova) - Gli Stati Uniti considerano “provocatorie” le azioni intraprese dalla Turchia nel Mediterraneo orientale e ribadiscono il loro sostegno al diritto delle autorità cipriote a sfruttare e sviluppare le sue risorse di petrolio e gas. È quanto dichiarato dal vice segretario di Stato Usa, Matthew Palmer, in un’intervista all’agenzia di stampa cipriota “Cna”. “Gli Stati Uniti sostengono con forza il diritto di Cipro di sfruttare e sviluppare le sue risorse di idrocarburi e crediamo che i proventi di tali risorse dovrebbero essere condivisi equamente tra tutti i popoli dell'isola, nel quadro di un accordo negoziato”, ha detto Palmer, che si trova in visita a Nicosia. “Abbiamo ribadito alla Turchia che consideriamo provocatoria l’intenzione annunciata di iniziare le perforazioni e abbiamo incoraggiato la Turchia a fermare tali azioni. Lo abbiamo fatto privatamente, lo abbiamo fatto pubblicamente”, ha detto Palmer, ribadendo che Washington resta impegnata nella riunificazione dell'isola sulla base di una suddivisione bi-nazionale e bi-comunitaria. “Restiamo fortemente favorevoli al processo negoziale delle Nazioni Unite. Vorremmo vedere l'isola riunificata il più rapidamente possibile”, ha aggiunto. Nel frattempo, secondo quanto riferiscono fonti della presidenza cipriota citate dalla stessa “Cna”, il presidente Nicos Anastasiades potrebbe discutere delle possibili misure contro le azioni “provocatorie” turche nella Zona economica esclusiva (Zee) di Cipro con le sue controparti del gruppo Med-7 (Francia, Italia, Spagna, Portogallo, Grecia e Malta) in occasione del vertice del gruppo che si svolgerà a Malta il prossimo 14 giugno, oltre che durante la riunione del Consiglio europeo che si terrà a Bruxelles il 20 e 21 giugno prossimi. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..