UE
 
Ue: Commissione, continua la discesa dei prestiti in sofferenza
 
 
Bruxelles , 12 giu 12:56 - (Agenzia Nova) - Nella sua quarta relazione intermedia sulla riduzione dei prestiti in sofferenza (Npl), la Commissione europea ha confermato oggi che i livelli di Npl stanno continuando la loro traiettoria discendente verso i livelli pre-crisi. Il rapporto degli Npl nelle banche dell'Unione europea è diminuito di oltre la metà dal 2014, in calo al 3,3 per cento nel terzo trimestre del 2018 e in calo di 1,2 per punti anno dopo anno. "Lavorare sulle scorte rimanenti dei prestiti in sofferenza fa parte dei nostri sforzi in corso per rendere il settore bancario ancora più forte. Le nostre banche ora sono meglio capitalizzate e meglio preparate per resistere agli shock economici. Noi abbiamo recentemente concordato un quadro più robusto per regolamentare e controllare le banche. Dati i progressi nella riduzione dei rischi, chiedo ai ministri delle finanze dell'Ue di andare avanti con altre misure per completare l'Unione bancaria", ha detto il commissario per la stabilità finanziaria, Valdis Dombrovskis.

In una comunicazione separata sull'approfondimento dell'Unione economica e monetaria pubblicata oggi, la Commissione invita i leader dell'Ue a finalizzare le modifiche al Trattato che istituisce il meccanismo europeo di stabilità e si adopera per rinnovare lo sforzo verso il completamento dell'Unione bancaria. Insieme al completamento dell'Unione bancaria, questo è essenziale per lo sviluppo dell'Unione economica e monetaria e rafforzare il ruolo internazionale dell'euro. Nonostante i chiari miglioramenti, alcuni rapporti elevati di Npl rimangono una sfida in alcuni Stati membri e meritano un'attenzione continua. La comunicazione odierna invita gli Stati membri e il Parlamento europeo ad accelerare i lavori sulle proposte in sospeso per completare l'azione dell'Ue per affrontare questo problema. (Beb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..